LO STUDIO

Satelliti a bassa orbita, business da 9 miliardi nel 2026

Il segmento specifico crescerà quest’anno del 18,2%, raggiungendo un fatturato di 4,13 miliardi a livello globale, e ad una media del 21,5% nei prossimi quattro anni. Telecomunicazioni, IoT, Osservazione della Terra e Difesa i settori che vi fanno sempre più ricorso

25 Nov 2022

Nicola Desiderio

Il mercato dei satelliti in orbita bassa andrà oltre il raddoppio in 4 anni passando dai 4,13 miliardi di dollari del 2022 ai 9 miliardi del 2026 con un tasso medio annua di crescita pari al 21,5%. Lo afferma Low Earth Orbit (LEO) Satellites Global Market Report 2022, studio realizzato dalla ResearchandMarkets dando uno spaccato del settore, di chi vi opera e delle dinamiche che ne governano la crescita.

Italia non citata

Lo studio, che conta 175 pagine, dà anche un’analisi dettagliata di un segmento che, al di là dei numeri, è in evidente crescita e manifesta un andamento alquanto frizzante senza però interessare particolarmente l’Italia tant’è che il nostro paese, al contrario di altri europei come la Francia e la Germania sono citati accanto a Regno Unito, Australia, Brasile, India, Indonesia, Giappone e Corea del Sud accanto ovviamente a Russia, Cina e Usa.

WHITEPAPER
Pharma: come gestire grandi volumi di dati eterogenei e non strutturati?

Il ruolo trainante degli Usa

Sono qui che si trovano gli attori principali di questo business che deve la sua crescita impetuosa principalmente allo sviluppo delle grandi costellazioni per Internet a banda larga come Starlink di SpaceX. Le altre aziende citate sono Northrop Grumman, Kepler Communications, Boeing, Lockheed Martin, Thales Alenia Space – dimenticando evidentemente che il 33% è di Leonardo –, Airbus Defence and Space, Ssl, Globalstar and Bae System.

Telecomunicazioni, ma non solo

Il settore alla fine del 2022 passerà da 3,5 del 2021 a 4,13 miliardi con un aumento del 18,2%, ma le previsioni sono che aumenti ulteriormente vista la crescente competitività tra le varie reti avversarie di Starlink come OneWeb ed altre ancora. Ma l’adozione dei satelliti a bassa orbita non riguarda solo le telecomunicazioni. Difesa, IoT, Osservazione della Terra e altri ancora stanno stimolando lo sviluppo di satelliti definiti da software sempre più compatti e avanzati.

Privati e governi volano sempre più bassi

Dunque la spinta viene sia dal settore privato sia da quello governativo coinvolgendo ambiti di ricerca come l’Intelligenza Artificiale e la sensoristica. Il loro vantaggio principale è, grazie alla loro vicinanza – tra 1.000 e 160 km di altitudine – alla superficie terrestre, di poter adempiere a diverse funzioni di sorveglianza e osservazione offrendo in oltre, per quelli da telecomunicazione, una velocità di risposta superiore.

I vari tipi di satelliti Leo

Lo studio distingue i satelliti a bassa orbita per classi di dimensioni e massa: femto, pico, nano, micro, e mini. I femto hanno un peso inferiore a 100 grammi e solitamente hanno un costo molto basso. I picosatelliti vanno da 100 grammi ad un kg e solitamente usano sistemi di comunicazione, sensori ottici e di identificazione automatica. I nanosatelliti hanno massa tra 1 e 10 kg e sono anch’essi impiegati per comunicazioni, ma anche per missioni interplanetarie e per rilevamenti in remoto.

Scopi molteplici

I satelliti tra 10 e 100 kg sono i micro e sono utilizzati per raccogliere dati scientifici, per l’esplorazione della Spazio e come ponti radio. I mini satelliti solitamente non superano i 500 kg e possono portare a bordo payload, strumenti per telecomunicazione, calcolo, generazione di energia e sono dotati anche di sistemi di controllo e propulsione alquanto sofisticati. Il loro utilizzo è molteplice: dall’esplorazione all’osservazione, dalla sorveglianza alla ricerca.

Le risorse viste dall’alto

I satelliti a bassa orbita servono molti settori fornendo servizi preziosi per governi e aziende come quelle agricole permettendo di misurare e monitorare fattori ambientali chiave e il cui studio è sempre più importante per governare le risorse naturali, e la loro integrità e gestione. Per questo, sempre più aziende ed enti avranno bisogno di satelliti a orbita bassa e sempre di più saranno le aziende del settore che li metteranno a catalogo.

Le dinamiche dell’industria

Tale fattore determinerà una forte spinta in molti ambiti della space economy (lanci compresi) facendo nascere e crescere molte nuove aziende, ma anche dinamiche di consolidamento che porteranno a shake-off e fusioni necessari a rendere il settore sempre più efficiente, come è già visibile attraverso alcune operazioni destinate a creare veri e propri giganti satellitari, in grado di mettere sul piatto non solo satelliti a bassa orbita, ma sistemi multiorbita.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5