NEW NETWORKS

Il 4G sulla Luna, la Nasa sceglie Nokia per la connettività mobile

Condividi questo articolo

I Bell Labs installeranno la prima rete cellulare nell’ambito della missione senza equipaggio IM-2 che atterrerà al polo sud utilizzando una versione a basso consumo della microcella 4G/Lte, compatta e adatta a sopportare le condizioni spaziali. La rete è progettata per funzionare in condizioni ambientali, di temperature e radiazioni estreme

Pubblicato il 26 Set 2023

image002

La Nasa ha scelto Nokia. Infatti il Nokia Bell Labs installerà la prima rete cellulare sulla Luna per dimostrare che le tecnologie mobile 4G possono fornire le comunicazioni e connessioni affidabili ed efficienti necessarie per le future missioni (con o senza equipaggio) sia sul pianeta naturale della Terra che su Marte.

La missione Im-2

La multinazionale di apparecchiature per telecomunicazioni finlandese parteciperà all’iniziativa Tipping Point, volta ad analizzare tecnologie spaziali sviluppate dall’industria che possano favorire lo sviluppo di capacità spaziali commerciali e sostenere le future missioni dell’Agenzia americana. A tale scopo, Nokia si è unita a Intuitive Machines e Lunar Outpost per la missione lunare senza equipaggio Im-2, che atterrerà al polo sud della Luna. Il lancio dell’Im-2 è attualmente previsto in una finestra di tre mesi a partire da novembre 2023, ma le tempistiche potrebbero cambiare a seconda della programmazione del lancio.

La microcella 4G/Lte

Per questa missione, Nokia Bell Labs ha sviluppato una versione a basso consumo della sua microcella 4G/Lte, compatta e adatta a sopportare le condizioni spaziali. La rete è progettata per affrontare il viaggio verso la Luna e funzionare nelle condizioni ambientali, di temperatura e di radiazione estreme della superficie lunare.

Il sistema 4G/Lte lunare avrà due componenti principali. Il primo è l’unità della stazione base, che sarà integrata direttamente nel veicolo spaziale di Intuitive Machines, il lander Nova-C, e fungerà da sito cellulare per la rete lunare. Il secondo componente sarà l’apparecchiatura radio installata su due veicoli lunari: il rover Mobile Autonomous Prospecting Platform (Mapp) di Lunar Outpost e la struttura di raccolta Micro-Nova di Intuitive Machines.

Una potente connessione radio

Insieme, questi componenti radio formeranno una rete che permetterà ai veicoli e al lander di comunicare tra loro. Una potente connessione radio diretta a Terra dal lander fornirà un collegamento a casa, attraverso il quale i controllori della missione riceveranno dati e immagini e gestiranno a distanza i veicoli attraverso la rete cellulare.

Comunicazioni cruciali

Thierry Klein, presidente di Bell Labs Solutions Research di Nokia, ha affermato: “Come il riparo, il cibo e il supporto vitale, le comunicazioni saranno una componente cruciale di qualsiasi futura missione lunare o su Marte. Invece di ‘reinventare la ruota’ creando una rete proprietaria nello spazio, stiamo sfruttando le stesse tecnologie all’avanguardia che collegano miliardi di smartphone sulla Terra”. Klein ha continuato: “L’umanità è sempre stata affascinata dallo Spazio e questo interesse si è intensificato nel 21° secolo. Stiamo inviando sempre più uomini e macchine nello Spazio per esplorare, studiare e persino perseguire nuove iniziative commerciali. Ovunque questi uomini e queste macchine vadano nel sistema solare, avranno bisogno di comunicazioni. Nokia è pronta a compiere questo viaggio con loro”.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 2