LA RUBRICA ASI

Agenzia spaziale italiana: sfide e successi alla vigilia del 2023

Eventi, lanci, missioni di successo, risultati scientifici di rilevanza internazionale, accordi storici: è tempo di bilanci anche per lo spazio italiano che si lascia alle spalle un 2022 tutto da ricordare

21 Dic 2022

Manuela Proietti

Agenzia Spaziale Italiana

immagini-1280x640

Eventi, lanci, missioni di successo, risultati scientifici di rilevanza internazionale, accordi storici: con il 2023 alle porte è tempo di bilanci anche per lo spazio italiano che si lascia alle spalle un 2022 tutto da ricordare.

L’Osservatorio Ixpe

A cominciare da Ixpe, primo osservatorio spaziale dedicato allo studio della polarizzazione dei raggi X. Nato dalla collaborazione esclusiva tra la Nasa e l’Agenzia Spaziale Italiana, l’11 gennaio, un mese dopo il lancio, il telescopio vede la prima luce, puntando i suoi telescopi su Cassiopea A, prima di una lunga serie di sorgenti che Ixpe ha studiato nel corso di quest’anno.

WHITEPAPER
Una guida per acquisire nuovi clienti con il digital onboarding

Il secondo satellite Cosmo SkyMed

Il 1° febbraio segna il primo liftoff con carico italiano: a bordo di un vettore Falcon 9 della SpaceX, raggiunge l’orbita il secondo satellite di CosmoSkyMed second generation.  La costellazione per l’osservazione della Terra dell’Asi e del Ministero della Difesa sale così a quota 6 esemplari, un ‘upgrade’ che consente tempi di rivisitazione ancora più rapidi e rende il sistema radar uno strumento ancora più efficace nella gestione delle emergenze.

La missione Minerva

Torna in orbita Samantha Cristoforetti il 27 aprile con la missione Minerva. L’astronauta italiana dell’Esa trascorre 170 giorni sulla Iss, è la prima donna europea a fare una passeggiata spaziale e a diventare comandante della Iss, oltre ad essere la prima astronauta italiana a volare a bordo della capsula crew Dragon della SpaceX.

I nanosatelliti

Ha un nome e un logo il nuovo programma dell’Asi dedicato ai nanosatelliti. Si chiama Alcor e viene presentato il 26 maggio nella sede di Roma dell’Agenzia. Con 20 progetti già scelti nell’ambito del bando Future Missioni Cubesat, il nostro è tra i Paesi che cavalca l’onda della small revolution.

Destinazione Luna

Destinazione Luna: il 16 giugno Asi e Nasa firmano un accordo per uno studio preliminare dedicato alla progettazione dei futuri moduli lunari, i Lunar Surface Multi-Purpose Habitation (MPH) Module(s) proposti da Asi per il programma Artemis. Siglano l’intesa il Presidente dell’Asi, Giorgio Saccoccia e l’Amministratore della Nasa, Bill Nelson.

Vega-C

Il 13 luglio il nuovo lanciatore Esa Vega-C co-sviluppato in Italia completa con successo il suo volo inaugurale.  Il razzo è un’evoluzione potenziata dell’originale e permetterà di recapitare in orbita fino a 2200 kg di carico, payload di diverse forme, dimensioni e peso.

Missione Dart

Successo assoluto per la missione forse più sperimentale dell’anno, Dart, in combinazione con il satellite italiano LiciaCube. Il 27 ottobre la sonda Nasa si scaglia con l’asteroide Dymorphos e riesce a deviarne la traiettoria. Spettatore unico di questa prima assoluta è LiciaCube, un cubesat dell’Asi realizzato dall’azienda italiana Argotec, le cui camere, Leia e Luke, documentano l’impatto.

Atermis I

L’evento più atteso del 2022 è il decollo della prima missione del nuovo programma lunare della Nasa, il 16 novembre. Artemis I compie con successo i suoi obiettivi: porta la capsula Orion in orbita retrograda attorno alla Luna e certifica per il volo umano il nuovo sistema di trasporto statunitense, ammarando l’11 dicembre.

A bordo il cubesat dell’Asi ArgoMoon e tanta tecnologia italiana nel Modulo di Servizio Europeo.

La ministeriale 2022

Il 22 e il 23 novembre l’Europa dello spazio siede al tavolo della Conferenza Ministeriale 2022 e affida all’Esa 16,9 miliardi di euro per i prossimi tre anni, il 16,6% in più rispetto al triennio precedente. L’Italia, primo contributore dei programmi opzionali, investe 3,083 milioni di euro.

Il 13 dicembre è la volta del satellite Mtg-1: tanta tecnologia italiana a bordo del primo cacciatore di fulmini europeo.

La giornata nazionale dello Spazio

E, a chiusura di un anno costellato da importanti traguardi per lo spazio italiano, il 16 dicembre, ricordando il lancio del primo satellite San Marco, l’Asi celebra la seconda Giornata Nazionale dello Spazio insieme a istituzioni, imprese, ricerca e scuole: oltre 80 iniziative nel Paese e 50 nelle sedi diplomatiche italiane registrano il tutto esaurito.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5