R&D

Esopianeti, missione Ariel promossa alla Preliminary Design Review

Condividi questo articolo

Del consorzio europeo fanno parte l’Agenzia Spaziale Italiana, l’Inaf e l’Università di Firenze, che hanno lavorato per nove mesi alla documentazione tecnica per valutare fattibilità, prestazioni e robustezza del design del progetto

Pubblicato il 04 Ago 2023

ariel-telescope

È arrivata la prima promozione. Ed è un passo in avanti cruciale. Il payload della missione dell’Esa Ariel (Atmospheric Remote-sensing Infrared Exoplanet Large-survey), il futuro investigatore di esopianeti, ha superato con successo la Preliminary Design Review (Pdr). 

Il consorzio europeo di Ariel, di cui fanno parte Asi, Inaf e Università di Firenze, ha lavorato per nove mesi alla documentazione tecnica volta a valutare la fattibilità, le prestazioni e la robustezza del design del payload, al fine di garantire che i sistemi progettati fossero in grado di soddisfare i requisiti tecnici, scientifici e operativi della missione. 

Telescopio made in Italy

Lo scorso maggio il comitato di revisione dell’Esa (l’Agenzia spaziale europea) ha confermato il completamento della Pdr. Un passo fondamentale per la missione, che può ora procedere all’ultimo step prima della fase di produzione, la Critical Design Review. “Asi è soddisfatta della positiva conclusione della Pdr, che gratifica per il lavoro svolto dal team scientifico nazionale e dalle aziende coinvolte – ha commentato Barbara Negri, responsabile volo umano e sperimentazione scientifica dell’Asi – Il principale contributo italiano al payload della missione Ariel è la realizzazione e test del telescopio, un progetto molto impegnativo non solo per l’ambiente criogenico in cui dovrà lavorare (-220°C), ma anche per il materiale da utilizzare e per la sua forma ellittica. Nella missione Ariel ci sono anche altre importanti responsabilità italiane: l’elettronica di controllo dello strumento (Icu) e il ruolo dei nostri scienziati a livello di sistema di payload per gli aspetti elettronici e termici”.

Il ruolo della nostra comunità scientifica

“Siamo molto soddisfatti del successo di questa fase cruciale del percorso che ci porterà al lancio di Ariel – ha aggiunto la ricercatrice Inaf Giusi Micela, uno dei due coPi italiani della missione e membro dell’Ariel Science Team per Esa -. L’Italia ha responsabilità importanti sia scientifiche che tecnologiche nella missione e il risultato ottenuto è il frutto del grandissimo lavoro svolto dal team, che ha lavorato intensamente e senza sosta, con grande spirito di sacrificio e adattamento alle situazioni. La comunità italiana, con il suo impegno e il suo talento, sta contribuendo attivamente su molteplici aspetti della missione. Inoltre, siamo felici di vedere un crescente coinvolgimento di giovani ricercatori entusiasti, che avranno l’opportunità di sfruttare al meglio le ricche opportunità scientifiche offerte da Ariel. I prossimi anni saranno impegnativi ma sicuramente gratificanti per tutta la comunità”. 

L’obiettivo della missione

Dedicata allo studio delle atmosfere di pianeti in orbita intorno a stelle diverse dal Sole, Ariel osserverà un campione variegato di esopianeti – da giganti gassosi a pianeti di tipo nettuniano, super-Terre e pianeti terrestri – nelle frequenze della luce visibile e dell’infrarosso. Sarà la prima missione spaziale a realizzare un ‘censimento’ della composizione chimica delle atmosfere planetarie, fornendo indizi fondamentali per comprendere i meccanismi di formazione ed evoluzione dei pianeti al di là del Sistema Solare. La missione indagherà il ruolo del nostro sistema planetario nel contesto cosmico, affrontando i complessi quesiti riguardanti l’origine della vita nell’Universo.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 2