L'APPALTO

Officina Stellare, commessa da 8,5 milioni per i telescopi evoluti

Il progetto mira alla realizzazione di una piattaforma per la fornitura di servizi connessi all’osservazione della Terra tramite “macchine” di nuova generazione in grado di effettuare riprese ad alta risoluzione

19 Gen 2022

Nicola Desiderio

space-spazio3.jpg

Officina Stellare si è aggiudicata una commessa di 8,5 milioni di euro per la realizzazione di una serie di telescopi spaziali destinata alla ripresa ad alta risoluzione della superficie terrestre e parallelamente per lo sviluppo di un nuovo modello di telescopio con prestazioni evolute. La commessa riguarda un cliente ignoto, attivo nel settore delle analisi geospaziali, e fa parte di un programma pluriennale mirato alla realizzazione di una piattaforma per la fornitura di servizi connessi all’osservazione della Terra e basata su una infrastruttura di satelliti in orbita bassa. Officina Stellare inizierà la consegna dei telescopi dal secondo trimestre del 2022 e la completerà nell’arco dei prossimi due anni.

I telescopi garantiranno una Gsd (Ground Sampled Distance) inferiore ad un metro per pixel inoltre la commessa prevede lo sviluppo di un telescopio ancora più evoluto, destinato ad essere il sottosistema principale della strumentazione ottica di satelliti in orbita bassa per riprese multispettrali ad alta risoluzione effettuate nelle lunghezze d’onda dello spettro visibile e del vicino infrarosso. In questo modo l’azienda di Sarcedo (VI), quotata all’Euronext Growth Milan di Euronext, consolida il proprio ruolo di leader nella progettazione e nella produzione di strumentazione opto-meccanica di eccellenza nei settori dell’Aerospazio, della Ricerca e della Difesa grazie alla capacità di fornire un servizio completo che comprende la progettazione, i test funzionali di sistema, la manifattura e l’integrazione dei componenti ottici e meccanici.

“Siamo davvero molto soddisfatti di questo nuovo conseguimento, una commessa che conferma la stretta collaborazione avviata da diversi anni con il cliente nel segno della reciproca crescita” afferma Gino Bucciol, Direttore Sviluppo Business e Co-Fondatore di Officina Stellare. “Ci fa piacere notare come siano state riconosciute le qualità differenzianti che Officina Stellare sa mettere in campo, non solo a livello di progettazione – ha continuato Bucciol – ma anche di gestione dell’intero ciclo produttivo, riuscendo a garantire standard di qualità elevatissimi, efficienza, contenimento dei rischi, velocità di sviluppo e competitività economica. E questa commessa conferma la crescita di Officina Stellare la cui capacità industriale è sempre più riconosciuta in tutto il mondo. Oggi ci candidiamo ad essere player di riferimento nella realizzazione di ottiche spaziali per il settore della Earth Observation, offrendo le nostre capacità di progettazione e manifattura non solo ai clienti dell’ambito istituzionale più canonico, ma anche a quelli della New Space Economy, particolarmente interessati ad una elevata efficienza e convenienza del processo produttivo”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

O
officina stellare

Approfondimenti

S
space economy