IL PIANO

Ricerca spaziale: dall’Ue 200 milioni per 49 progetti

I finanziamenti saranno destinati al sostegno delle proposte innovative di Hadea e Euspa per l’attuazione di Orizzonte Europa. L’obiettivo è di rendere l’Unione europea indipendente nel settore aerospaziale e in altri settori tecnologici chiave

20 Ott 2022

Paolo Marelli

EUE28099s-satellite-based-connectivity-system-2.jpg

Quasi 200 milioni di euro sono stati stanziati dall’Ue per finanziare 49 progetti di ricerca spaziale attuati dall’Agenzia esecutiva europea per la salute e il digitale (Hadea) e dall’Agenzia dell’Ue per il programma spaziale (Euspa). La Commissione ha annunciato i risultati degli inviti a presentare proposte legate alla ricerca spaziale per il periodo 2021-2022 nell’ambito di Orizzonte Europa.

I progetti selezionati promuoveranno la competitività e la non dipendenza tecnologica del settore spaziale dell’Ue, consolidando nel contempo le componenti faro del programma spaziale dell’Ue e sviluppando nuove applicazioni e servizi a valle. I progetti selezionati pongono inoltre l’accento sull’accesso europeo allo spazio e sulle tecnologie future come la scienza quantistica, la meteorologia spaziale e la scienza spaziale. 

Ricerca e innovazione cruciali per comparto aerospaziale

“La ricerca e l’innovazione – ha osservato Mariya Gabriel, Commissaria per l’innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e i giovani – svolgono un ruolo chiave nei settori aerospaziali, promuovendo la fusione di scienza e tecnologia in molti settori, tra cui meteorologia e clima, metrologia, ingegneria meccanica ed elettrica. Gli investimenti di Orizzonte Europa contribuiranno a costruire un solido ecosistema imprenditoriale spaziale basato sulla conoscenza, sostenendo le trasformazioni verso un’economia europea intelligente dal punto di vista digitale e sostenibile”. 

WHITEPAPER
Ottieni una pianificazione veloce e affidabile nel tuo marketing: scopri come!

Essenziale garantire indipendenza Ue nel settore spaziale

Ora più che mai è essenziale garantire l’indipendenza dell’Ue per le tecnologie critiche, anche nel settore spaziale – ha spiegato il Commissario per il mercato interno Thierry Breton -. L’assegnazione di 200 milioni di euro a progetti di ricerca spaziale nell’ambito degli anni di programmazione 2021 e 2022 di Orizzonte Europa rappresenta un importante impulso per la competitività e l’innovazione dell’industria spaziale nonché per la nostra non dipendenza tecnologica”. 

Il settore spaziale dovrebbe ricevere quasi 1,6 miliardi di euro durante i sette anni di attuazione di Orizzonte Europa, per una media annuale di 225 milioni di euro, comprese le attività delegate all’Euspa.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3