LA MISSIONE

Osservazione della Terra, la Cina sempre più protagonista

In orbita il satellite Gaofen-11 04 decollato da una base nel nord del Paese. Fornirà immagini e dati su risorse del suolo, pianificazione urbana, progettazione della rete stradale, stima della resa dei raccolti e soccorso in caso di calamità

28 Dic 2022

Paolo Marelli

osservazione terra-space1

La Cina ha inviato nello Spazio un nuovo satellite per l’osservazione della Terra. È stato lanciato il 27 dicembre dal cosmodromo Taiyuan Satellite Launch Center, nella provincia dello Shanxi, nel nord del Paese, a bordo di un razzo vettore Lunga Marcia-4B. 

Era la 457esima missione di questa serie di lanciatori ed è perfettamente riuscita: il satellite Gaofen-11 04 è entrato nell’orbita prevista e fornità immagini e dati che saranno utilizzati in diversi campi, tra cui rilevamento delle risorse del suolo, pianificazione urbana, progettazione della rete stradale, stima della resa dei raccolti e soccorso in caso di calamità.

Immagini dallo Spazio, la tecnologia cinese

La Cina, intanto, continua ad accrescere il numero di lanci spaziali per aggiungere nuovi dispositivi al proprio sistema di osservazione della Terra.

WHITEPAPER
Decisioni più rapide con l’intelligenza artificiale

Un razzo Long March 2D era infatti decollato lo scorso 8 dicembre sempre dal centro di lancio satellitare di Taiyuan.

A bordo del volo c’era il satellite per imaging iperspettrale Gaofen 5 (01A), che si è unito al sistema civile cinese di osservazione della Terra ad alta risoluzione (Cheos). Questo satellite opera da un’altitudine di circa 417 miglia (672 chilometri) sopra la Terra in un’orbita sincrona con il Sole.

L’imaging iperspettrale significa che Gaofen 5 (01A) monitora centinaia di canali di luce molto stretti, concentrandosi sulla gamma infrarossa a onde lunghe. Ciò consente al satellite di produrre immagini che indichino la composizione chimico-fisica degli oggetti ripresi nelle immagini stesse.

Secondo il sito China Space News, il satellite è dotato anche di uno spettrometro ad assorbimento differenziale di gas di traccia atmosferico e una termocamera a infrarossi ad ampio raggio.

I media cinesi hanno riferito che le capacità di telerilevamento del satellite sono utili per applicazioni in diversi campi, come la riduzione dell’inquinamento, il monitoraggio ambientale, le indagini sulle risorse naturali e gli studi sui cambiamenti climatici.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 4