IL PROGETTO

Sat economy, la Cina completa la propria costellazione per l’IoT

Condividi questo articolo

Lanciati dal mare gli ultimi 4 satelliti in orbita bassa. La rete sarà operativa entro la fine dell’anno, e sarà utilizzata per la protezione dell’ambiente e le comunicazioni di emergenze oltre che per le esigenze in campo industriale   

Pubblicato il 31 Mag 2024

Galactic Energy -China

La Cina ha fatto un passo cruciale nello sviluppo della connettività, lanciando quattro satelliti dal mare nell’ambito della costituzione della prima costellazione Internet of Things (IoT) del Paese in orbita terrestre bassa entro la fine di quest’anno. Lo scrive il quotidiano di Hong Kong, South China Morning Post. 

Satelliti Tianqi 25-28

I satelliti Tianqi 25-28 sono stati lanciati su un razzo Ceres-1S da una piattaforma mobile al largo della costa della provincia orientale di Shandong verso la loro orbita progettata a 850 chilometri (528 miglia) sopra la Terra, ha annunciato la compagnia di razzi Galactic Energy poco dopo il lancio. 

Il Ceres-1S, a quattro stadi e a combustibile solido, è stato sviluppato sulla base del modello di razzo Ceres-1, cavallo di battaglia di Galactic Energy, per soddisfare le esigenze dei lanci via mare. Può adattarsi a diverse aree di lancio e atterraggio e lanciare carichi utili più piccoli in orbite terrestri medie e basse.

Costellazione Tianqi

Una volta completata, la costellazione Tianqi comprenderà 38 piccoli satelliti per promuovere la connettività dei dati attraverso dispositivi intelligenti e fornire copertura globale e servizi di trasmissione dati quasi in tempo reale a utenti governativi, industriali e individuali, secondo il suo sviluppatore e operatore Guodian Gaoke, una compagnia satellitare con sede a Pechino. È la seconda volta che la start-up cinese di veicoli di lancio Galactic Energy invia satelliti Tianqi per Guodian Gaoke. A settembre, i satelliti Tianqi 21-24 sono stati inviati in orbita a 800 chilometri da una piattaforma marittima vicino a Shandong.

Future applicazioni militari

“I satelliti Tianqi esistenti sono stati utilizzati in diversi scenari, come le comunicazioni di emergenza e il soccorso, la protezione e il monitoraggio ambientale e il trasporto di sostanze chimiche pericolose – ha detto ai media cinesi Lu Qiang, amministratore delegato di Guodian Gaoke -. In futuro, espanderemo i nostri servizi ad altri campi, tra cui le applicazioni militari”.

Secondo il sito web dell’azienda, la costellazione richiede solo apparecchiature terminali di piccole dimensioni, a basso costo e a basso consumo energetico. Il terminale più piccolo ha una dimensione di 3,5 centimetri (1,38 pollici) e il costo di produzione dell’apparecchiatura è sceso a meno di 1.000 yuan (pari a 138 dollari).

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 5