IL REPORT

Tlc mobili, il backhaul satellitare promette più che bene

Condividi questo articolo

Secondo Analysys Mason il modello di business as a service abbatte le barriere di ingresso al mercato e facilita l’adozione da parte degli operatori riducendo la necessità di elevati capex iniziali e di competenze specialistiche. “Così si potranno generare nuove revenues nelle aree rurali”

Pubblicato il 06 Mag 2024

backhaul satellitare Analysys Mason

Il backhaul satellitare rappresenta una delle opportunità più promettenti per gli operatori di rete mobile (Mno – Mobile network operator) e per l’industria satellitare. I nuovi modelli di business “as-a-service” stanno abbassando le barriere all’ingresso nel mercato e stanno facilitando l’adozione dei servizi satellitari da parte degli Mno, riducendo la necessità di un elevato investimento iniziale e di conoscenze spaziali specialistiche. Questi nuovi modelli stanno consentendo ai mobile network operator di accedere alle soluzioni di backhaul satellitare in modo più conveniente, contribuendo così a generare nuove opportunità di guadagno e a ottimizzare il costo delle implementazioni rurali.

Il report “Wireless backhaul and trunking via satellite” di Analysys Mason analizza il mercato del backhaul e del trunking via satellite. Dalle pagine del rapporto emerge che la previsione del fatturato cumulativo dell’infrastruttura come servizio (IaaS) raggiunga i 272,6 miliardi di dollari nel periodo 2023-2033 e crescerà a un tasso di crescita annuale composto (Cagr) del 10,8% nel periodo.

Soluzioni IaaS

I modelli di business as-a-service offrono una serie di servizi progettati per razionalizzare e semplificare la gestione dei vari componenti tecnici dei sistemi di rete. I servizi gestiti e le soluzioni IaaS sono i due estremi dello spettro: i servizi gestiti possono essere utilizzati per gestire la capacità satellitare, gli hub e le reti, mentre le soluzioni IaaS gestiscono tutti gli elementi di connettività, compresa la rete di accesso radio (Ran), le torri e l’energia.

Tra questi modelli, vi sono casi in cui gli integratori satellitari gestiscono solo alcuni componenti, come i terminali. Va notato che i confini tra questi modelli sono fluidi; i diversi fornitori di soluzioni possono avere definizioni diverse di questi modelli ed è fondamentale che gli Mno identifichino le soluzioni più adatte alla loro infrastruttura di rete, ai limiti delle competenze e agli obiettivi aziendali.

L’ostacolo dei costi

Storicamente, l’adozione della tecnologia satellitare da parte degli operatori di rete mobile è stata ostruita da diversi ostacoli, in particolare dai notevoli costi infrastrutturali iniziali e da una diffusa carenza di conoscenze. Gli Mno dovevano coltivare competenze specifiche per implementare efficacemente la tecnologia satellitare.

Chance per i piccoli operatori

L’avvento dei modelli as-a-service, però, consente agli operatori di rete mobile di superare queste barriere, facilitando l’implementazione e la manutenzione dei siti di backhaul satellitare grazie a servizi gestiti e integratori terzi.

Ciò ha ridotto significativamente l’onere finanziario per gli Mno in termini di investimenti iniziali, rendendo così il backhaul satellitare un’opzione più praticabile, soprattutto nelle località ultra-rurali e per gli operatori più piccoli. I nuovi modelli consentono inoltre agli Mno di concentrarsi sulle loro competenze principali, poiché non hanno bisogno di sviluppare team interni per implementare e gestire i collegamenti satellitari.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 4