L'HACKATHON

ActInSpace Turin, sul podio una soluzione per sanificare l’aria

Il primo premio assegnato al team “LoveInSpace” che ha progettato in appena 24 ore “Breathe Safely in Space”, tecnologia adatta per stazioni in orbita, basi lunari e missioni su Marte. Il progetto potrebbe evolversi in una startup

28 Nov 2022

Paolo Marelli

ActInSpace-Turin-2022_I3P_011_First-Prize_LoveInSpace

Passione per lo Spazio. Un ingrediente miscelato con lavoro di squadra e idee innovative nel campo della space economy. Il risultato? Un mix che ora potrebbe evolversi in vere e proprie startup.

È stato un successo l’edizione 2022 di ActInSpace, l’hackathon internazionale per l’innovazione nella space economy che si è tenuto a Torino, unica location italiana di quest’anno, ospitato da I3p nell’ambito delle attività di Esa Bic Turin.

Circa 50 partecipanti, tra i quali diversi provenienti da altre regioni d’Italia o dall’estero, si sono infatti riuniti in 11 gruppi nella Sala Agorà dell’incubatore di imprese innovative del Politecnico di Torino per sviluppare in 24 ore i loro progetti tecnologici e imprenditoriali, scegliendo una tra le oltre 30 challenge dell’iniziativa. Tra gli sponsor e i partner che hanno contribuito all’evento: Thales Alenia Space, Center for Near Space (Cns), Jacobacci & Partners, Argotec, Kurs Orbital.

LoveInSpace: il team vincitore

Premiati cinque team, ma il trionfatore assoluto della competizione di Torino è stato il team LoveInSpace, composto da Beatrice Cascone, Filippo Giustini, Lorenzo Moretti e Kristers Nagainis, grazie al loro interessante progetto “Breathe Safely in Space” elaborato in risposta all’Airbus Challenge numero 2 “Make Me Fly”. 

WHITEPAPER
Digitalizzazione dei processi e Cloud transformation: i trend italiani!

Il team ha presentato la proposta di un innovativo filtro per la sanificazione dell’aria, composto da tecnologie già disponibili e durevole nel tempo con minime necessità di manutenzione, da commercializzare sia per applicazioni sulla Terra (trasporti pubblici, strutture sanitarie, emergenze virali) sia in scenari extraterrestri (stazioni spaziali, basi lunari, missioni su Marte). La squadra si è così aggiudicata il First Place Prize, che consiste in un percorso di incubazione in I3p, per provare a trasformare il progetto in una vera e propria startup, e nella nomination come miglior team italiano per le finali internazionali di ActInSpace 2022.

Una sfida planetaria

Organizzato a livello globale dall’Agenzia spaziale francese (Cnes) insieme all’Agenzia spaziale europea (Esa), con il supporto organizzativo di Aerospace Valley ed Esa Bic Sud France per questa sua quinta edizione, l’hackathon ha unito gli appassionati di spazio di cinque continenti – quasi 2.800 persone nel mondo si sono cimentate simultaneamente nella sfida – toccando in presenza oltre 60 città dal Canada all’Australia.

In Francia le finali internazionali

Nei prossimi mesi, gli stati con più host cities ad aver ospitato localmente l’iniziativa terranno delle finali regionali e nazionali per eleggere il loro miglior team di progetto, il quale poi li rappresenterà alle finali internazionali che si terranno il 13 e 14 febbraio 2023 in Francia, a Cannes. In palio per i vincitori globali c’è un’ampia gamma di premi ufficiali e offerti dagli sponsor, tra cui, ad esempio, un volo parabolico a bordo di un Airbus A310 Zero-G.

Promuovere la space economy

In occasione del lancio dell’hackathon, Giuseppe Scellato, presidente di I3p e coordinatore di Esa Bic Turin, ha dichiarato: “Siamo onorati di poter collaborare con Cnes, Esa e Aerospace Valley – ha detto Giuseppe Scellato, presidente di I3p e coordinatore di Esa Bic Turin – per questa nuova edizione di ActInSpace, tanto più in quanto l’obiettivo dell’evento è promuovere l’imprenditoria nella space economy: una missione completamente condivisa dal nostro programma di incubazione”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5