OSSERVAZIONE DEL COSMO

In Australia il più grande radiotelescopio al mondo: in campo anche l’Italia

Inyarrimanha Ilgari Bundara sarà costituito da oltre 131mila antenne e collegato ad un altro impianto in Sud Africa. Avrà una sensibilità 50 volte superiore. Al progetto di ricerca partecipa anche l’Inaf

30 Dic 2022

Nicola Desiderio

SKA-Low - close up artist impression

Il più grande radiotelescopio della Terra sorgerà in Australia e si chiamerà Inyarrimanha Ilgari Bundara che vuol dire “condividere il Cielo e le Stelle” nella lingua dei Wajarri, la tribù aborigena che abita da decine di millenni il territorio dove la struttura sarà realizzata, nello stato del Western Australia, a 800 km a Nord di Perth.

C’è anche l’Italia

Il mondo scientifico internazionale potrà invece chiamarlo Murchison Radio-astronomy Observatory, struttura scientifica finanziata dal 2009 dal Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation (Csiro) che sarà completata ed ingrandita nell’ambito dello Square Kilometre Array (Ska), progetto che coinvolge 16 paesi tra cui anche l’Italia la quale nel 2019 è stata la sede di fondazione del consorzio e partecipa attraverso l’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf).

WEBINAR
15 Febbraio 2023 - 12:00
B2B: tutti i segreti per una customer experience perfetta

Collegato con il Sudafrica

Insieme all’impianto nel Parco di Meerkat, nella regione sudafricana del Karoo, costituirà lo Square Kilometre Array Observatory (Skao), un sistema di radio osservazione del cosmo dotato di una sensibilità 50 volte superiore a quella degli impianti attuali potendo così raccogliere ed elaborare immagini ad alta risoluzione, in particolare della Via Lattea che offre il proprio meglio proprio dall’emisfero meridionale del Pianeta dove anche le interferenze radio sono ridotte rispetto alla zona superiore.

Oltre 131mila alberi di Natale

La struttura dei due impianti di osservazione sarà alquanto singolare poiché integrerà le torri dotate di antenne paraboliche esistenti con una miriade di antenne a forma di albero di Natale alte circa 2 metri sistemate direttamente sul terreno. Nel sito australiano saranno 131.072 e saranno in grado di generare 8 Terabit al secondo, un volume di dati impressionante che sarà elaborato in cloud da Setonix, il supercomputer che si trova nel Pawsey Supercomputing Centre, a Kensington, tra Perth e Freemantle.

Un impianto da 200 milioni

Il radiotelescopio australiano sarà incaricato di ricevere le onde a bassa frequenza, quello sudafricano le onde medie. La superficie combinata dei due impianti sarà di oltre un chilometro quadrato. Il consorzio avrà uffici a Perth e Cape Town, ma il quartier generale dello Ska sarà a Manchester, nel Regno Unito. L’impianto australiano sarà realizzato dalla Vienta con un finanziamento di 200 milioni di dollari australiani (circa 127 milioni di euro) e una ricaduta economica sull’economia nazionale di 1,8 miliardi per i prossimi 30 anni e la creazione di 350 posti di lavoro nel medio termine.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5