STARTUP

Rocket2 ottiene il Naming Prize dalla Fondazione Gran Sasso Tech

L’azienda punta a sviluppare un modulo aerospace-graded in grado di connettersi alle stazioni spaziali orbitanti per riciclare parte degli scarti del ciclo biologico di vita degli astronauti a bordo e produrre cibo

02 Nov 2022

Nicola Desiderio

startup-900x900-161114153157.jpg

Un modulo autonomo per la coltivazione al chiuso di piante e microalghe in grado di utilizzare l’anidride carbonica di scarto dai processi produttivi industriali e biologici è l’idea con la quale la Rocket2 si è aggiudicato il naming prize della Edizione 2022 della StartCup Abruzzo, concorso giunto alla quarta edizione che promuove nuova impresa sul territorio per settori ad alta tecnologia.

Un modulo per vivere nello spazio

Il premio è stato assegnato dalla Fondazione Gran Sasso Tech in virtù del concept ideato da Rocket2 e dal suo business plan che è stato ritenuto particolarmente interessante per la Space Economy. Il modulo della Rocket2 infatti è autonomo e scalabile (dunque può avere dimensioni diverse o utilizzato in più unità) e progettato per utilizzi aerospaziali così che può essere utilizzato su stazioni spaziali orbitanti, o di stanza su Luna e altri pianeti, per riciclare parti degli scarti del ciclo biologico di vita degli astronauti a bordo e produrre per essi il cibo in maniera efficiente e sicura.

WHITEPAPER
Mobilità sostenibile: una guida a progetti, incentivi e ruolo chiave di sharing e veicoli elettrici

Il premio è nel percorso

Il premio, consegnato lo scorso 25 ottobre ad Atessa (Chieti) nei locali della Sevel – società che produce mezzi commerciali leggeri ed è parte del gruppo Stellantis – comporterà il sostegno alla validazione tecnologica e al progresso di crescita della start-up attraverso un’attività di supervisione ed accompagnamento che durerà dal I gennaio al 30 giugno 2023 e includerà anche il supporto per la partecipazione a bandi di finanziamento dedicati alle start-up che operano nel settore dello spazio.

Ricerca e industria insieme

Sarà seguito dunque il modello di laboratorio ‘open’ mettendo a disposizione personale proveniente sia dal mondo della ricerca sia da quello industriale. Del resto è proprio questa la natura della Fondazione Gst, fondata congiuntamente pochi mesi fa dal Gran Sasso Science Institute e da Thales Alenia Space Italia, come ricorda il direttore generale, Alessandro Pajewski. “GST si focalizza su importanti attività di sviluppo tecnologico. Nell’ottica di supportare le filiere locali e la nascita di start up innovative, siamo contenti di aver assegnato oggi questo premio ad una neonata realtà produttiva ad alto contenuto tecnologico quale Rocket2”.

Le risorse del territorio

StartCup Abruzzo è organizzato dalla Camera di Commercio Chieti (e Pescara), Agenzia di Sviluppo della Camera di Commercio Chieti (e Pescara) insieme al Pid – Punto Impresa Digitale Chieti (e Pescara), Associazione Innovalley – Promotori di Innovazione. Coinvolge l’Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti, l’Università degli Studi dell’Aquila, l’Università degli Studi di Teramo, il Gran Sasso Science Institute e l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise “G. Caporale”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5