INNOVAZIONE

A L’Aquila il nuovo campus dedicato allo spazio: sul piatto 19 milioni

Il progetto del Gran Sasso Science Institute vanta una lunga lista di istituzioni pubbliche e private ed è tra i primi 10 tra le 350 proposte pervenute per l’assegnazione dei fondi Pnrr. La sede nell’ex ospedale psichiatrico accanto alla Basilica di Santa Maria di Collemaggio

30 Giu 2022

Nicola Desiderio

Collemaggio

Il Gran Sasso Science Institute (Gssi) de L’Aquila riceverà 19 milioni di euro per realizzare lo Space and earth innovation campus (Seic) grazie ai fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr). Il progetto è tra i primi 10 della graduatoria tra le 350 proposte presentate e prevede la realizzazione di un nuovo campus attraverso la riqualificazione di una parte dell’ex ospedale psichiatrico de L’Aquila, accanto al solenne scenario della Basilica di Santa Maria di Collemaggio.

Un progetto ampio pubblico e privato

Il Seic è un progetto che vede come capofila il Gssi e vanta una lunga lista di enti pubblici e privati: Thales Alenia Space Italia, Politecnico di Milano, Università degli studi di Milano-Bicocca, Scuola Imt alti studi Lucca, Scuola universitaria superiore Iuss Pavia, Istituto nazionale geofisica e vulcanologia (Ingv), Telespazio spa, Sanofi srl, Granit technologies and engineering sa, Proger spa, H-farm spa, BluHub srl, Gunpowder srl, MaMa industry srl, Fondazione OsaA, Fondazione open polis, A Sud ecologia e cooperazione, Innovalley-promotori di innovazione, Ufficio speciale per la ricostruzione dell’Aquila, Regione Abruzzo e Comune dell’Aquila.

WEBINAR
5 best practice per un cloud journey di successo!

Approccio multidisciplinare per lo spazio

Il Seic si dedicherà in modo multidisciplinare a numerose attività riguardanti lo spazio: design di missioni spaziali ad alta complessità con integrazione/sviluppo di payload per missioni scientifiche; caratterizzazione di componenti tecnologici per lo spazio; sviluppo di tecnologie quantistiche per applicazioni spaziali; sviluppo e applicazioni di artificial intelligence, blockchain, e advanced software; bioinformatica e simulazioni numeriche; monitoraggio, simulazione e gestione del territorio e dei grandi disastri; sviluppo piattaforme di concurrent engineering; sviluppo di piattaforme per la virtualizzazione dei processi produttivi e di digital twin; applicazioni di tecnologie per l’economia circolare e per la filiera dell’Idrogeno; tecnologie applicate ai beni culturali; valutazione e gestione dell’impatto sociale e ambientale dei progetti di ricerca e sviluppo.

Seic punto di riferimento per l’innovazione

Il nuovo campus ha l’ambizione di porsi come punto di riferimento per attività di ricerca applicata e sviluppo tecnologico, a beneficio sia delle imprese sia delle istituzioni pubbliche, rafforzando la capacità del territorio di produrre conoscenza e innovazione, anche attraverso attività di alta formazione, con il supporto alle filiere industriali e la creazione di start-up e spin-off ad alto contenuto tecnologico. «Con un progetto di tale portata, che valorizzerà un luogo magico della città – afferma il rettore del Gssi, Eugenio Coccia – L’Aquila potrà davvero diventare un attrattore e un luogo di riferimento a livello internazionale per l’innovazione tecnologica, inoltre, siamo felici che il bando premi la ricchezza di conoscenza e originalità espressa nei progetti di entrambi gli atenei aquilani» Il progetto Seic riceverà forza ulteriore dalla sinergia con la fondazione Gran Sasso Tech, costituitasi recentemente, sempre per iniziativa del Gran Sasso Science Institute e di Thales Alenia Space Italia.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4