L'APPROFONDIMENTO

Spazio e agricoltura: i dati satellitari per aumentare l’efficienza

Molte le piattaforme già in uso per la gestione di campi e colture, ma le risorse spaziali hanno un grosso potenziale per migliorare le rese favorendo la razionalizzazione dell’impiego di acqua, pesticidi, fertilizzanti e carburanti a vantaggio dell’ambiente e della salute

06 Apr 2023

Nicola Desiderio

WhatchITgrow

Una delle attività più antiche dell’umanità come l’agricoltura può trarre grandi benefici dall’utilizzo di uno dei ritrovati più recenti della sua storia: i satelliti. L’agricoltura di precisione – così viene definita quella che si serve di queste risorse – sta già dimostrando tutta la sua efficacia ed è uno dei settori dove esistono ancora potenzialità molte elevate per raggiungere maggiore efficienza e rispetto per l’ambiente secondo gli obiettivi fissati dall’Unione Europea.

Il rapporto Euspa

Anche di questo si parla all’interno dello “EU Space for Green Transformation – A new tool for companies to monitor their sustainability targets” (SCARICA QUI IL REPORT), rapporto pubblicato dall’Euspa (European Union Space Program Agency) e che punta a promuovere tutto il potenziale delle infrastrutture spaziali europee a favore della transizione ecologica, digitale e tecnologica in vista del Green Deal che pone anche al settore agricolo degli obiettivi di sostenibilità ai quali i satelliti possono dare una spinta decisiva.

WHITEPAPER
Le tecnologie a supporto dell’eccellenza agroalimentare italiana
Store management
Precision agricolture

Dall’alto è meglio

Il controllo delle colture in-situ è infatti difficoltoso, inefficiente e anche dannoso per l’ambiente poiché spinge ad un utilizzo eccessivo e poco oculato di acqua, fertilizzanti e pesticidi con aggravio di costi, minore qualità del cibo e conseguenze per il suolo, le falde acquifere, le altre colture, la fauna e, in generale, la biodiversità e la qualità della vita dei cittadini, dei consumatori e di chi lavora nel settore agroalimentare.

L’esempio di WatchITgrow

Gli esempi di applicazione delle risorse satellitari, in combinazione con altri dispositivi IoT e di macchinari a guida autonoma, sono sempre più numerosi in agricoltura. Il rapporto porta ad esempio la coltura della patata in Belgio e di Vito, un’organizzazione indipendente che, insieme a Belgacom, ha sviluppato un servizio denominato WhatcITgrow dedicato interamente alla coltivazione dei tuberi e che si serve di dati della rete Copernicus.

Dallo spazio e non solo

Il servizio combina i dati raccolti dai satelliti Sentinel-1 e Sentinel-2 con quelli di altri satelliti, droni e strumenti di rilevazione meteo e presi direttamente dal suolo per offrire ad agricoltori, agronomi, commercianti e industria di trasformazione informazioni di supporto per l’intero settore come lo stato e la crescita delle colture, stima su germinazione e raccolto, produzione e qualità finale del prodotto.

Informazioni sempre più complete

Per il futuro il servizio prevede di estendersi ulteriormente, grazie all’aumento quantitativo e qualitativo dei dati. Oltre alle informazioni già citate, darà raccomandazioni sull’utilizzo di sostanze azotate per il terreno, sulla pianificazione dei tempi di irrigazione e avvisi sulla presenza di patologie come la peronospora. Dunque notizie fondamentali per tutelare e migliorare il raccolto ottimizzando le risorse e diminuendo l’impatto con l’ambiente.

I benefici su ambiente e consumi

Secondo le stime dell’Association of Equipment Manufacturers, l’agricoltura di precisione, affidandosi anche ai sistemi di posizionamento, potrebbe portare la resa della coltura delle patate in Belgio da 50 a 100 tonnellate per ettaro. In generale, si pensa che la pratica di sistemi di coltura basati su dati satellitare può diminuire l’utilizzo globale delle acque del 4%, del 9% quello dei pesticidi, del 7% i fertilizzanti e dei consumi di carburante del 6% con ulteriore beneficio in termini di emissioni inquinanti e climalteranti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5