IL PIANO

Cosmo-SkyMed, scendono i costi. E per le istituzioni italiane servizi gratuiti

L’Asi celebra i quindici anni della prima costellazione duale per l’Osservazione delle Terra con una rimodulazione delle tariffe che avvicina ancora di più lo Spazio alla società e all’economia. Una risorsa di grande importanza destinata a potenziarsi ulteriormente nei prossimi anni

08 Ago 2022

Nicola Desiderio

Genova

Cosmo-SkyMed compie 15 anni e l’Agenzia Spaziale Italiana  (Asi) abbassa i costi dei servizi nei confronti dell’utenza istituzionale internazionale e addirittura li annulla per l’utenza istituzionale italiana che avrà così gratis tutti i prodotti di nuova acquisizione e di archivio, ovvero circa 2 milioni di acquisizioni la cui gestione commerciale è affidata in esclusiva a e-Geos. Per la cronaca: si va da un minimo 200 euro per un dataset da 10 prodotti fino ai 500 euro per un dataset fino a 50 prodotti.

Leonardo e Thales, in varie combinazioni

Come è noto, quest’ultima è una società controllata all’80% da Asi e al 20% da Telespazio, a sua volta controllata da Leonardo (67%) e Thales (33%), e che si occupa del segmento di Terra del programma. Le due aziende si sono occupate attraverso Thales Alenia Space (a quote invertite) della costruzione di tutti e sei i satelliti operativi, quattro di prima generazione e due di seconda generazione per quello che è un sistema duale unico nel suo genere.

WHITEPAPER
Garantisci la protezione dei tuoi DATI durante la modernizzazione del Data Center
Datacenter Infrastructure Management
Data protection

Da Asi per il Ministero della Difesa

È stato infatti realizzato da Asi per il Ministero della Difesa ed è la prima costellazione di Osservazione della Terra concepita per scopi duali: dunque militari e di sicurezza, ma anche civili per impieghi molteplici. Tra questi: la prevenzione e la gestione dei disastri ambientali (terremoti, alluvioni, frane, eruzioni vulcaniche, etc) permettendo di prevederli e gestirli; il controllo degli oceani e delle coste, ma anche del traffico marittimo e delle acque interne; il controllo delle risorse agricole e forestali; il controllo degli edifici e la cartografia con rilevazioni tridimensionali.

I Sar in banda X vedono sempre e ovunque

I punti di forza di Cosmo-SkyMed sono i suoi occhi e la sua flessibilità. Tutti e sei i satelliti sono infatti dotati di radar ad apertura sintetica in banda X, in grado di vedere con qualsiasi condizione di luce, di giorno e di notte, in qualsiasi condizione meteo e anche attraverso le nuvole. Le immagini possono essere acquisite anche con polarizzazione quadrupla in campo stretto o largo e in tre modalità: spotlight, concentrandosi su aree di pochi km quadrati con risoluzione al metro; stripmap, concentrandosi su una striscia di superficie terrestre; scanSAR, su aree con lato di 200 km. La costellazione permette di operare una copertura globale con tempi di rivista molto brevi.

Dal 2007 in poi siamo arrivati a sei

L’ultimo dei sei satelliti (il secondo di seconda generazione) è stato lanciato lo scorso I febbraio 2022 con un razzo Falcon 9 di SpaceX da Cape Canaveral, ma non è ancora operativo. Il primo di seconda generazione è nello spazio dal 18 dicembre 2019. Il primo in assoluto è stato lanciato il 7 giugno 2007 dalla base di Vandenberg, in California, da dove sono anche partiti tutti gli altri: il secondo (9 dicembre), il terzo (25 ottobre 2008) e il quarto (5 novembre 2010). In programma vi sono altri due satelliti e il primo di questi (Gsc-3) è previsto per il 2024 con il nuovo vettore Vega-C nel quale, come è noto, sono presenti dosi massicce di tecnologia e industria italiane.

Come servirsene

I prodotti e i servizi del sistema Cosmo-SkyMed sono raggiungibili attraverso due modalità. Per gli utenti istituzionali c’è un nuovo portale dotato di guida descrittiva per la registrazione e l’utilizzo. Per gli utenti commerciali c’è invece il sito web di e-Geos. Cosmo-SkyMed è anche oggetto di accordi internazionali nel campo dell’Osservazione della Terra, in campo sia civile sia militare. Uno è operativo con la Francia e l’altro con l’Argentina nell’ambito del sistema Siasge (Sistema Italo-Argentino di Satelliti per la Gestione delle Emergenze), stipulato tra l’Asi e la Conae (Comisión Nacional de Actividades Espaciales).

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5