L'INTERVENTO

Space economy, i nuovi mercati e le professioni del futuro

Le tecnologie sviluppate per lo Spazio aprono nuove apportunità di business anche sulla Terra. Ecco un prospetto delle più promettenti secondo l’analisi di Alessandro Sannini

05 Apr 2023

Alessandro Sannini, giurista ed Head of strategy di 3IP Space

Alessandro Sannini

La Space Economy va ben oltre il settore spaziale in senso stretto, perché si estende ai prodotti e ai servizi che dal dato e dalla tecnologia spaziale derivano per un miglioramento della qualità della vita sulla Terra. Pensiamo ad esempio ad agricoltura, protezione dell’ambiente e cambiamento climatico, gestione delle catastrofi, trasporti, biodiversità, istruzione, catasto urbano, smart city fino ad arrivare a prodotti high end come supercar e le barche di Coppa America.

Cominciano quindi ad emergere dei mercati inaspettati dello spazio che hanno una ricaduta interessante su aziende che operano in altri ambienti come mare e terra. Ad esempio, nel settore dello yachting estremo come quello dell’America’s Cup, il legame con il mondo aereospaziale diventa sempre più stretto. Le industrie condividono sempre di più le tecniche di utilizzo dei materiali dell’era spaziale, adottate in anticipo dai costruttori di yacht.

Fibra di carbonio e titanio per gli yacht

La fibra di carbonio e il titanio sono i preferiti per ridurre il peso e i costi e per aggiungere resistenza a scafi, cellule e componenti. Per risparmiare tempo, i costruttori di yacht hanno sviluppato metodi avanzati di pre-impregnazione delle resine nel tessuto in fibra di carbonio, per abbreviare e semplificare il processo di stesura del tessuto attorno a un nucleo rigido a nido d’ape e di indurimento degli strati in uno stampo. In questo modo, si elimina il processo costoso e lungo di riscaldamento dei compositi nei forni. I nuovi yacht del cantiere italiano Azimut saranno dotati di un sistema di ventilazione e purificazione dell’aria sviluppato dalle tecnologie usate dalla Nasa per le missioni spaziali.

WHITEPAPER
L'industry4.0 come non l'avete mai vista grazie al PNRR e altra agevolazioni. Scarica la guida!
Smart logistic
Warehousing

Il sistema Mmvs (Marine Mechanical Ventilation System) è stato sviluppato da BCool Engineering, Italia. Si basa sulla tecnologia di ossidazione fotocatalitica Pco, che simula e riproduce il processo che avviene in natura. Un esempio di ossidazione fotocatalitica in natura è la fotosintesi. Nella fotosintesi, sotto l’influenza della luce solare, si verifica l’eccitazione della clorofilla e l’ossidazione dell’acqua, a seguito della quale si forma ossigeno. Nel sistema Mmvs il ruolo del sole è svolto da una lampada ultravioletta. I raggi UV passano attraverso un catalizzatore, dando origine a radicali idrossilici e perossido di idrogeno, che decompongono i batteri e le impurità che inquinano l’atmosfera. All’uscita, sono prodotti anidride carbonica e ossigeno.

L’innovativo sistema di ventilazione consente di sostituire tutta l’aria nella stanza entro un’ora, creando l’effetto delle finestre aperte senza perdere i vantaggi dell’aria condizionata. Di conseguenza, nelle cabine c’è sempre aria fresca, purificata e raffreddata.

La fibra di carbonio a basso costo

Raytheon ha collaborato con Fokker Technologies e Dallara per sviluppare una cellula in fibra di carbonio a basso costo (Mald) dell’Aeronautica Militare degli Stati Uniti (Usaf). Mald è un sistema modulare ed efficiente dal punto di vista dei costi, che può proteggere i velivoli con equipaggio dalla necessità di ingaggiare le minacce e rendere le munizioni stand-off ancora più letali. Produttore di strutture avanzate e di sistemi elettrici per l’aerospazio e la difesa, Fokker ha aiutato ad adattare i robot per avvolgere la fusoliera in fibra di carbonio, invece di dipendere dall’approccio tradizionale, costruito a mano.

Nel frattempo, Dallara ha applicato le tecnologie strutturali leggere e resistenti utilizzate nelle corse di auto Indy agli accessori della cellula, tra cui le coperture e le prese d’aria. In questo caso, emerge un effetto contaminazione di settore, oltre a un mercato importante del doppio uso civile e militare. Un mercato particolarmente interessante in tal senso è l’Italia.

Abbiamo un mucchio di unexpected markets e di contaminazioni del mondo dell’aereospaziale e numerose applicazioni, in cui si parla di dual use e di contaminazioni. Se parliamo di mercati inattesi, possiamo pensare a nuovi mercati e per ora impensabili dal punto di vista occupazionale, dove come spesso succede molti giovani italiani potranno eccellere. Ecco quali potrebbero essere in futuro gli annunci spaziali di LinkedIn.

Ingegneri alimentari

Esperti in grado di inventare prodotti alimentari allettanti nello spazio (il cibo in microgravità perde l’odore), in grado di offrire profumi convincenti, particolarmente importanti per i viaggiatori spaziali in missioni di lunga durata. L’esperienza agricola spaziale sarà richiesta per coltivare i prodotti in condizioni esotiche di assenza di peso, come le Stazioni spaziali orbitanti, le missioni planetarie di lunga durata con volo umano e altre superfici come Marte.

Specialisti dell’estrazione mineraria

Persone in grado di organizzare e gestire le operazioni di raccolta dell’acqua e di altre risorse preziose dagli asteroidi, dalla Luna e da altre superfici extraterrestri. In teoria, è possibile estrarre risorse dai circa 9.000 asteroidi conosciuti che viaggiano in orbite vicine alla Terra e dai 1.000 nuovi asteroidi scoperti ogni anno.

Specialisti dei media

Esperti nelle arti multimediali, che possono filmare e commemorare le esperienze dei turisti spaziali privati nell’orbita terrestre e i viaggi sulla Luna e oltre.

Produzione additiva

Sia il settore privato che quello pubblico stanno investendo in modi per progettare e costruire componenti personalizzati nell’ambiente rarefatto della microgravità, per evitare gli immensi costi di trasporto dei componenti dei veicoli spaziali dalla superficie della Terra all’orbita terrestre e oltre. Aziende come Made in Space sono apripista di successo in questo settore industriale emergente.

Specialisti dell’olo-portata

Come ricorderanno gli appassionati di Star Trek, la tecnologia di olo-portata era in grado di mettere virtualmente nella stessa stanza persone provenienti da luoghi diversi, persino da pianeti diversi! Questo rende la comunicazione con la famiglia, gli amici e i colleghi di lavoro un’esperienza naturale e senza soluzione di continuità. La fantascienza di ieri è la realtà di oggi. Con il rapido progresso delle tecnologie di immagine e dei bot personali, i bot con tecnologia sensoriale potrebbero persino consentire di ‘sentire’ il tocco di un altro essere umano su un pianeta lontano.

Manager turistici spaziali

Esperti di viaggi spaziali, che possono organizzare escursioni di vacanza nell’orbita terrestre o lunare a bordo di navicelle spaziali commerciali per passeggeri.

Architetti spaziali ed esperti di costruzione

Questi specialisti possiedono conoscenze e competenze uniche associate alla costruzione di strutture nel difficile ambiente dello spazio, in grado di resistere a tutto, dalle radiazioni estreme alle temperature sottozero. Questi esperti dovranno anche comprendere campi come il benessere fisico e psicologico nello spazio.

Medicina spaziale

Tradizionalmente, la medicina spaziale si è concentrata sulla salute degli astronauti in condizioni ottimali. Con l’emergere del turismo spaziale, in cui persone di tutte le età e profili di salute saranno soggette alle sollecitazioni e ai rigori dell’ambiente spaziale, i professionisti della salute spaziale saranno chiamati a sviluppare terapie e protocolli unici per garantire il benessere fisico e mentale dei cittadini “medi” nello spazio.

Gestori del traffico spaziale

Con l’emergere di un numero sempre maggiore di operatori di veicoli di lancio, c’è un bisogno crescente di competenze per coordinare i veicoli spaziali a pilotaggio umano e robotico nell’orbita terrestre, sempre più affollata.

Una nuova gamma di opportunità

Questi lavori emergenti nel settore spaziale devono essere considerati solo un “antipasto” di ciò che ci aspetta con la rapida maturazione dello sviluppo commerciale dell’alta frontiera. Come ha dichiarato il Dr. Angel Abbud-Madrid, direttore del Center for Space Resources e professore associato di ricerca in ingegneria meccanica presso la Colorado School of Mines, “Servono persone provenienti da ogni tipo di disciplina. Servono ingegneri meccanici, ingegneri chimici, esperti minerari, informatici, geologi, economisti. Pensate a tutti i lavori che abbiamo qui sulla Terra. Molti di questi saranno utilizzati anche quando andremo nello spazio. Si apre una gamma completamente nuova di possibilità per nuovi lavori e opportunità”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5