IL REPORT

Osservazione della Terra, il business verso gli 8 miliardi

Euroconsult stima una crescita sostenuta da qui al 2031 segnalando anche una diversificazione dei modelli dei business e un allargamento della clientela. Il 70% dei lanci sarà privato ma gli enti governativi continueranno a fare la parte del leone

04 Gen 2023

Nicola Desiderio

Euroconsult

Il mercato globale dell’Osservazione della Terra crescerà fino ad un volume pari a 7,9 miliardi di dollari nel 2031 rispetto ai 4,6 miliardi collezionati nel 2021. Lo afferma la 15ma edizione dell’Earth Observation Data & Services Market, rapporto realizzato da Euroconsult e che indica per questo importante settore della space economy una dinamica che si manterrà ancora vivace e che si sta diversificando e strutturando sempre di più.

Impermeabile alla crisi

Secondo infatti tale studio, l’espansione di questo business sta avvenendo a livello sia downstream e upstream, senza risentire delle dinamiche sulle forniture e inflattive che stanno interessando tutti i settori industriali. Alla crescita sostanziale si accompagna anche una qualitativa con un aumento dei modelli di business in diversi segmenti verticali che sta favorendo l’espansione della base dei clienti.

WHITEPAPER
ESG nel Manifatturiero: metodi e KPI per misurare le prestazioni dell'impianto sostenibile
Manifatturiero/Produzione
Sviluppo Sostenibile

Servizi in crescita del 6% all’anno

All’interno di questo settore, la parte del leone la fanno ovviamente i servizi che nel 2021 hanno raggiunto da soli 2,8 miliardi di giro d’affari e cresceranno ancora del 6% su base annua nel corso del decennio successivo. Dal punto di vista dei prezzi si registrano due tendenze contrastanti. La prima va verso la riduzione dei costi, la fornitura di servizi anche gratuiti e il potenziamento del cloud e dei canali distributivi.

Tecnologie sempre più sofisticate

L’altra invece è figlia dell’evoluzione tecnologica. Il livello di sofisticazione e potenza offerto dai satelliti di ultima generazione è altissimo e permette di ricavare immagini con risoluzione inferiore ai 30 cm per pixel, modelli i 3D, la realtà virtuale e una mappatura globale praticamente in tempo reale. Le applicazioni basate sui satelliti di nuova generazione stanno generando nuovi servizi a valore aggiunto particolarmente elevato.

Lancio satelliti triplicato

Tale dinamica ha già attirato molti grandi gruppi finanziari, pronti non solo ad incassare ma anche ad investire per il futuro, in particolare per le apparecchiature delle quali i satelliti sono equipaggiati. Ne saranno lanciati oltre 3.500 nel decennio 2021-2031, il triplo di quelli lanciati tra il 2012 e il 2021 con un ritorno di 98 miliardi e una crescita del valore del mercato pari al 23%.

I governi la fanno ancora da padrone

A questo proposito, lo studio di Euroconsult osserva che il 70% dei lanci sarà effettuato da operatori commerciali, ma il 92% del valore generato dalla loro costruzione sarà ancora legato ad entità governative. E non c’è da stupirsi, visto che le immagini dallo spazio stanno assumendo un’importanza crescente per il monitoraggio del clima e per attività di tipo strategico, di sicurezza e militare.

Strutturazione ed integrazione

L’ecosistema dei servizi in precedenza era largamente frammentato, ma sta diventando sempre più strutturato grazie al numero di fusioni e acquisizioni o a collaborazioni strategiche che si formano tra operatori satellitari e nuove tech company. I fornitori di servizi inoltre stanno spingendo l’allargamento della base dei clienti verso i non esperti e altri verticali, aumentando allo stesso tempo l’adozione diretta da parte degli utenti attuali che richiedono informazioni tempestive da parte di nuove capacità commerciali” ha commentato Alexis Conte, Senior Consultant di Euroconsult e editor dello studio.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 4