IL PIANO

Sicurezza informatica, l’Us Air Force mette sul piatto 4,8 miliardi

Accordo raggiunto con cinque aziende che forniranno i cosiddetti Novastar (National Air and Space Intelligence Center Scientific and Technical Intelligence Capability Support Services) per lo sviluppo di soluzioni destinate alla protezione dell’aeronautica militare e spaziale

24 Ago 2022

Nicola Desiderio

NASIC

La US Air Force ha selezionato cinque aziende per affidare loro i cosiddetti Novastar (National Air and Space Intelligence Center Scientific and Technical Intelligence Capability Support Services) ovvero la ricerca e lo sviluppo di servizi software nei prossimi 10 anni a favore del National Air and Space Intelligence Center (Nasic). I contratti hanno un valore complessivo di 4,8 miliardi di dollari e serviranno sostanzialmente a garantire la sicurezza informatica delle forze armate americane, sia per le operazioni quelle “atmosferiche” sia per quelle spaziali.

Cinque aziende su dieci candidature

Le aziende selezionate sono: Altamira Technologies, Epsilon Systems Solutions, Modern Technology Solutions, Radiance Technologies e Xandar e tutte hanno una forza lavoro inferiore ai 1.500 dipendenti. La selezione non è stata particolarmente difficile visto che al bando hanno risposto solo in dieci. Ai vincitori sarà accordato un contratto del tipo indefinite-delivery/indefinite-quantity dunque senza vincoli di tempi e quantità, un requisito evidentemente necessario affinché un servizio di questa importanza – e di questa entità monetaria – risulti effettivamente funzionale.

17 novembre, milano
Spalanca le porte all’innovazione digitale! Partecipa a MADE IN DIGItaly

Semplificazione e  duplicazione

Le aziende selezionate sono per un numero un quarto di quelle che prima fornivano servizi analoghi così da poter semplificare i rapporti con il Nasic, la cui sede operativa è ubicata presso la base aerea di Wright Patterson che si trova a Dayton, nello stato dell’Ohio. È qui che personale civile e militare monitora e analizza continuamene le capacità aeree e spaziali straniere e le loro implicazioni per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti d’America. Lo scorso giugno anzi è stata costituito un centro dedicato esclusivamente allo spazio sempre all’interno del Nasic.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5