LA NOMINA

Arianespace, Pierre-Yves Tissier è il nuovo Chief Technical Officer

Il manager succede a Roland Lagier e riporterà a Stéphane Israël, amministratore delegato dell’azienda, ed entra nel Comitato Esecutivo

21 Gen 2022

Nicola Desiderio

tissier.jpg

Pierre-Yves Tissier è stato nominato Chief Technical Officer di Arianespace. Tissier, la cui nomina è effettiva dal 19 gennaio, succede a Roland Lagier, andato in pensione, e riporterà a Stéphane Israël, amministratore delegato di Arianespace unendosi contemporaneamente al Comitato Esecutivo dell’azienda.

Pierre-Yves Tissier ha iniziato la sua carriera nel 1985 presso Bertin Technologies, nel dipartimento di turbomacchine e termodinamica prima di entrare cinque anni dopo nel centro di ricerca Snpe (Société nationale des poudres et explosifs, oggi diventata ArianeGroup), come responsabile del Laboratorio di Balistica Interna. In tale posizione ha guidato numerosi progetti nella propulsione di lanciatori civili e militari, in collaborazione con l’agenzia spaziale francese, Cnes (Centre national d’études spatiales), e l’agenzia francese per gli appalti della difesa, Dga (Direction générale de l’arment).

Nel settembre 1996, Pierre-Yves Tissier è entrato a far parte del dipartimento di propulsione solida e pirotecnica della Direzione industriale di Arianespace come manager del motore a propellente solido di Ariane 5. Successivamente ha assunto la direzione dello stesso dipartimento nel 2000. Nel 2006, a seguito della fusione dei Dipartimenti di Propulsione solida e Propulsione liquida, Pierre-Yves Tissier è stato nominato Capo del Dipartimento Propulsione della Direzione Programmi dell’azienda, posizione che ha ricoperto per tre anni prima della sua promozione a Vice Capo Divisione – Lanciatori in Produzione. Nel 2017 è stato nominato vice del chief technical officer Lagier, in vista dell’incarico che ha appena assunto.

Pierre-Yves Tissier ha conseguito un dottorato in matematica applicata.

“Do il benvenuto a Pierre-Yves Tissier nel Comitato Esecutivo di Arianspace, dove succede a Roland Lagier come direttore tecnico. Il lavoro meticoloso di Roland all’interno di Arianspace negli ultimi 24 anni è stato determinante nel garantire l’affidabilità e la qualità dei nostri servizi di lancio. Pierre-Yves è entrato a far parte dei nostri ranghi nel 1996 e conosce perfettamente i nostri metodi di lavoro e gli standard che ci siamo dati. Sarà dunque in grado di raccogliere la sfida di questa missione chiave che ora gli è stata affidata” ha dichiarato Stéphane Israël, amministratore delegato di Arianespace.

Arianspace ha chiuso intanto il 2021 con un fatturato di oltre 1,25 miliardi di euro, con un aumento del 30% rispetto all’anno precedente, frutto di un’attività mai così frenetica che ha visto portare a termine 15 lanci portando in orbita complessivamente 305 satelliti con tre vettori diversi: Ariane 5, Soyuz e Vega. Tra i maggiori successi di Arianspace per l’anno appena passato c’è il lancio del telescopio spaziale Space Webb, partito dal centro spaziale della Guiana francese lo scorso 25 dicembre. Il programma per il 2022 è ancora più intenso e prevede 22 lanci.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

A
arianespace

Approfondimenti

S
space economy