STRATEGIE DI SETTORE

Asi Info Day, la space economy italiana si prepara al vertice Esa di Parigi

L’evento voluto dal presidente Giorgio Saccoccia mira ad avviare un percorso di avvicinamento strutturato al Consiglio Ministeriale dell’Agenzia Spaziale Europea, in programma a novembre. Coinvolgendo tutti gli attori nazionali del comparto

23 Feb 2022

Nicola Desiderio

saccoccia.jpg

L’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) ha chiamato a raccolta tutti gli attori che fanno parte del settore aerospaziale nel nostro paese per l’Asi Info Day, evento organizzato in vista del Consiglio Ministeriale (Cm22) dell’Ente Spaziale Europeo (Esa) che si terrà a Parigi il prossimo novembre. Scopo dell’incontro è stato avviare un percorso di avvicinamento che coinvolga industria, università e mondo della ricerca, attraverso un dialogo aperto e strutturato, per condividere strategie e raccogliere idee intorno sia ai programmi Esa obbligatori sia quelli opzionali quali Osservazione della Terra, Esplorazione al Trasporto Spaziale, Telecomunicazioni, Navigazione, Sicurezza Spaziale, comunicazione cellulare altre tecnologie.

L’Agenzia Spaziale Italiana si ha definito l’Asi Info Day, al quale hanno partecipato oltre 150 rappresentanti tra quelli in presenza e in remoto, un vero e proprio calcio d’inizio per rendere più efficace possibile il ruolo del nostro Paese all’interno dei programmi Esa e del settore aerospaziale globale. L’iniziativa è stata fortemente voluta dal presidente Giorgio Saccoccia (in foto) per definire con tutto il settore gli interessi e le strategie di fronte alle grandi opportunità offerte dallo scenario per tutta la catena del valore italiana che si occupa di Spazio. In questo modo l’Asi conta di offrire un coordinamento efficace supportando tutti gli attori coinvolti.

In occasione dell’Asi Info Day, sono state discusse anche le attività multi dominio, che sono ancora in corso di dibattito tra gli stati membri e l’esecutivo, sia sul contenuto sia sulle modalità di attuazione. Il percorso di avvicinamento proposto da Asi ha incontrato il consenso dei partecipanti che hanno valutato il percorso aderente alle esigenze del comparto. L’interazione su questi temi tra Asi e gli operatori economici non si fermerà, anzi proseguirà a cadenza periodica nel corso dei prossimi mesi. Ci saranno dunque altri incontri e anche un canale di comunicazione rappresentato da un indirizzo mail dedicato che rimarrà attivo fino alla conclusione dei lavori per il Cm22.

@RIPRODUZIONE RISERVATA