M&A

Hispasat compra Axess: avanti tutta sul mercato B2B delle telecomunicazioni

La società del gruppo Red Electrica ha acquistato per 87 milioni di euro l’azienda di Barcellona che dispone di ben 8.000 siti teleport in 4 Continenti. E intanto si prepara a lanciare il satellite Amazonas Nexus realizzato da Thales Alenia Space

23 Mar 2022

Nicola Desiderio

Hispasat ha acquisito per 87 milioni di euro la Axess Network, società di telecomunicazioni con quartier generale a Barcellona specializzata in servizi e soluzioni satellitari per aziende e amministrazioni pubbliche e presente anche in America Latina, Africa e Medio Oriente.

L’acquisizione per il 100% del capitale, condotta con la consulenza di Bbva e in attesa delle necessarie approvazioni da parte delle autorità competenti, è stata comunicata dalla Red Electrica, gruppo che a sua volta controlla al 90% la Hispasat, alla Comisión Nacional del Mercado de Valores (Cnmv) ovvero l’autorità spagnola corrispondente alla nostra Consob, e rientra nel piano strategico che punta a fare della società con sede a Madrid un fornitore di soluzioni e servizi satellitare per mercati specifici, concentrandosi in particolare nel b2b e sul mercato latinoamericano.

L’operazione definita dal ceo di Hispasat, Miguel Ángel Panduro “accordo” e dal suo omologo di Axess, Mauricio Segovia, “fusione” ma è a tutti gli effetti un’acquisizione visto che non si parla di scambi azionari e avviene tra due aziende caratterizzate da dimensioni ben diverse: la Red infatti nel 2020 ha fatturato 1,95 miliardi di euro con un aumento dei profitti del 9,6% principalmente grazie proprio ad Hispasat. Dalla sua, Axess ha una presenza forte con un’infrastruttura di teleporti composta da ben 8.000 siti in oltre 50 paesi e 4 Continenti con una base di clientela composta da aziende petrolifere, estrazione, telecomunicazioni, organizzazioni governati e non governative fornendo i propri servizi in aree remote.

Grazie all’integrazione di Axess, Hispasat potrà ottimizzare la propria offerta in settori di business come l’estensione delle reti cellulari via satellite, reti di connessione dedicate per clienti aziendali e la digitalizzazione di aree remote e di paesi caratterizzati da ritardi tecnologici. Allo stesso tempo, potrà rafforzarsi sui mercati più evoluti in segmenti di mercato a forte crescita come l’Internet delle Cose (IoT) e le reti 5G satellitari. A livello geografico, le maggiori aspettative vengono dal mercato sudamericano dove entrambe le aziende possono vantare posizioni di forza. Tale acquisizione non avrà alcun impatto sull’operatività di Axess che manterrà dirigenza, team di lavoro e le proprie relazioni con fornitori e clientela.

Hispasat inoltre è presente al Satellite 2022 che si tiene a Washington D.C. dal 21 al 24 marzo dove sta lanciando i nuovi servizi Hispasat Wave. Hispasat Wave Networks riguarda servizi di connettività per estendere e reti cellulari, sviluppare l’accesso ad Internet e fornire soluzioni IoT e hotspot con connessione alla Rete tramite satelliti. Le soluzioni proposte riguardano anche telemedicina, teledidattica e gestione delle emergenze. Hispasat Wave Video riguarda la distribuzione di contenuti televisivi via satellite e Ott (Over-The-Top) grazie anche alla recente acquisizione di Media Networks Latin America. Al Satellite 2022 Hispasat ha anche presentato tutte le caratteristiche del satellite Amazonas Nexus che sarà lanciato entro la fine dell’anno comprendo l’intero continente americano. Realizzato dalla Thales Alenia Space, l’Amazonas Nexus è dotato di un processore digitale trasparente (Tdp) allo stato dell’arte che gli permette di avere massima flessibilità di adattamento nel corso della sua vita operativa.

@RIPRODUZIONE RISERVATA