INDUSTRIA SPAZIALE

Il consorzio Ali diventa una Spa per crescere all’estero

Con 700 addetti e 200 milioni di fatturato, la nuova società per azioni campana punta alla sfida internazionale, facendo leva sulla tecnologia brevettata Irene. I soci sono dieci piccole e medie imprese del settore

28 Apr 2023

Paolo Marelli

Giovanni Squame Presidente ALI Spa con i soci del_480788546

Da consorzio è diventata una Spa. Ali (Aerospace  Laboratory for Innovative Components) si è trasformata da società consortile (Scarl) in società per azioni, con l’obiettivo di continuare a primeggiare in Italia e all’estero nel settore spaziale.

La società, con sede nell’area industriale di Napoli, è leader riconosciuta nella progettazione e sviluppo di tecnologie innovative per il rientro dallo Spazio e servizi per conto terzi di esperimenti scientifici in condizioni di microgravità.

Fondata nel 2006 come società consortile senza scopo di lucro, Ali ha sviluppato una innovativa tecnologia brevettata, denominata Irene, per dotare i sistemi spaziali di capacità di rientro autonomo dallo Spazio ed il loro riutilizzo.

I numeri della Spa

Con un organico complessivo di circa 700 addetti ed un fatturato di 200 milioni euro, gli azionisti di Ali sono attualmente dieci imprese. Si tratta per lo più di Pmi: Aermec Sud, Canale 8, Euro.soft, Form&Atp, Intecs Solutions, Lead Tech, Powerflex, Space Factory, Srs Engineering Design, Technosystem Developments.

WHITEPAPER
Cos’è la space economy, in pratica: norme, regole e trend
Robotica
EdTech

Sin dalla sua fondazione Ali ha gestito contratti verso i soci per circa 75 milioni di euro. Le attività di ricerca, per lo più focalizzate su Irene, sono state dal 2010 ad oggi di circa 10 milioni di euro. Inoltre, Ali è socio del Distretto Aerospaziale della Campania (Dac) con una quota del 2%.

Una sfida internazionale

“La trasformazione in Spa rappresenta un’ulteriore importante sfida della società in ambito internazionale”, afferma Giovanni Squame, già presidente Ali ed attualmente amministratore unico della società.

“La trasformazione di Ali in società per azioni rappresenta la naturale evoluzione di uno dei punti di forza della filiera aerospaziale campana”, aggiunge Luigi Carrino, presidente del Dac. E si dichiara soddisfatto per i risultati ottenuti: “In questi anni Ali ha dato dimostrazioni di grandi capacità tecnologiche e scientifiche, diventando attrattore di talenti e dimostrando con i suoi esperimenti, al mondo intero, la capacità di poter guardare al futuro con una visione imprenditoriale davvero forte”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5