L'ANALISI

Space tech economy, in Europa mercato da 26,3 miliardi

Secondo i dati della Fondazione Amaldi presentati a Torino alla sesta edizione di “Primavera dell’Innovazione”, il settore ha quadruplicato il proprio giro d’affari dal 2017. Italia terzo Paese dell’Unione per numero di startup: sono 375

20 Mag 2022

Domenico Aliperto

italia-europa.jpg

La Space tech economy vale in Europa 26,3 miliardi di euro. Un giro d’affari quadruplicato rispetto al valore registrato nel 2017 e sostenuto dall’aumento degli investimenti in venture capital, che nel 2021 hanno raggiunto i 3 miliardi di euro, valore triplicato nel giro di un anno e destinato a crescere anche nel corso del 2022. Sono le stime della Fondazione Amaldi, che ieri ha presentato a Torino una serie di elaborazioni di scenario in occasione della sesta edizione di “Primavera dell’Innovazione”, la conferenza annuale dedicata all’analisi dei trend, all’individuazione delle sfide e alla verifica delle opportunità nell’ambito dell’innovazione e del trasferimento tecnologico in Italia.

Le sfide del settore

L’evento si è concentrato sul ruolo svolto dalle tecnologie spaziali nell’abilitare nuovi modelli di business a supporto dei settori industriali tradizionali nel contesto della New Space Economy. L’Italia d’altra parte possiede una catena del valore completa nel settore spazio, ma l’ecosistema del New Space fatica ancora a decollare. Bisogna quindi avviare una transizione da un settore aerospaziale basato sulla programmazione e il finanziamento pubblico verso un vera industria commerciale. Il settore, secondo la Fondazione, ha il compito di prendere coscienza che sviluppo commerciale e sostenibile debbano trovare un punto d’incontro, che il ruolo delle tecnologie spaziali sia ormai chiave per ogni settore industriale a diverso livello e che sia necessario un cambio di rotta nella relazione tra capitale pubblico e capitale privato. Bisogna quindi verificare se sia possibile intraprendere uno sviluppo in grado di coniugare tecnologia, finanza e sostenibilità attraverso l’integrazione delle tecnologie spaziali permettendo loro di contribuire a uno sviluppo commerciale competitivo a livello nazionale ed europeo, sui verticali industriali in funzione del ruolo degli stakeholder e delle opportunità offerte dagli investitori.

WHITEPAPER
Scopri come ottenere un’architettura dati innovativa per tutta l’enterprise

Il ruolo di Torino nella crescita della Space tech economy

Stando ai dati forniti dalla Fondazione, l’Italia è il terzo paese europeo per numero di startup nel settore Space Tech. Si parla di 375 società distribuite prevalentemente nei 13 distretti dell’industria aerospaziale, per un valore di circa 2 miliardi di euro.

Ma è necessario guardare oltre i confini nazionali per competere a livello globale sul piano della ricerca e dell’innovazione. La scelta della sede per organizzare l’evento, non è stata del resto casuale: il Piemonte – e Torino in particolare – rappresenta un punto nodale per l’intero settore, e un trampolino di lancio per promuovere cooperazioni internazionali: il programma Città dell’aerospazio di Torino è infatti il progetto di riferimento intorno al quale ruoteranno molte delle risorse del Pnrr dedicate al rilancio del distretto industriale piemontese, circa 1,15 miliardi di euro.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2