ROBOTICA

Thales Alenia Space a capo di Eross Iod per i servizi in orbita

L’iniziativa europea conterà sulla robotica spaziale avanzata per accelerare sulla sostenibilità. Obiettivo: estendere e migliorare la vita dei satelliti per contenere la produzione di detriti spaziali

21 Set 2022

A. S.

EROSS IOD

La Commissione Europea ha selezionato Thales Alenia Space e i suoi partner per guidare Eross Iod, il programma dedicato ai servizi in orbita che partirà a gennaio 2023. All’European Robotic Orbital Support Services In Orbit Demonstrator è affidato il compito di convalidare le tecnologie per le operazioni di assistenza robotica nello spazio e la messa a punto di una missione pionieristica da svolgere entro il 2026.

La joint venture tra Thales (67%) e Leonardo (33%) sarà così impegnata tramite il progetto Eross Iod a dimostraree le capacità di rendez-vous, cattura, aggancio, rifornimento e scambio di payload dei satelliti convalidando i progressi nella robotica dello spazio a supporto delle future missioni robotiche in orbita.

L’obiettivo di Thale Alenia Space in questa nuova missione è di progettare missioni di servizi in orbita sempre più intelligenti, per gestire direttamente i satelliti mentre operano nello Spazio rispondendo al meglio alle esigenze dei servizi che possono abilitare sulla Terra, a partire dalla geolocalizzazione e dalla connettività, passando per le previsioni meteo e per il monitoraggio dell’ambiente.

Il nuovo programma nasce per mettere in campo le migliori tecnologie in grado di estendere la durata di vita dei satelliti, contribuendo così al contenimento della produzione di detriti spaziali, mettendo le basi per una migliore gestione degli asset dello spazio attuali e futuri.

“I veicoli di On-Orbit Servicing – spiega Thale Alenia Space in una nota – rappresentano un vero e proprio cambiamento di paradigma, poiché i futuri sistemi spaziali potranno essere sottoposti a manutenzione e aggiornamenti anche in orbita. Grazie a una scalabilità e una flessibilità di sistema senza pari, tali veicoli risulteranno davvero rivoluzionari”.

L’iniziativa si inserisce nella mission di Thales Alenia Space, sintetizzata nella vision “Space for Life”, che punta a realizzare un nuovo approccio all’esplorazione dello spazio che si basa su missioni più intelligenti e innovative, che contribuiscono a uno spazio più sostenibile.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5