PARTNERSHIP

Artemis: Lockheed Martin si affida a Red Hat per simulare le missioni

Per il programma spaziale della Nasa, il gigante americano dell’aerospazio e della Difesa sceglie i software di volo Red Hat OpenStack Platform e Red Hat Enterprise Linux per i test di viaggio della navicella Orion verso la Luna

01 Dic 2023
image2

Un anno dopo il successo di Artemis I e in vista di Artemis II, nell’ambito del programma spaziale della Nasa per riportare gli astronauti sulla Luna, Lockheed Martin, sviluppatore della navicella Orion e principale contractor del progetto, si affida alla multinazionale Red Hat per simulare le prestazioni della capsula in diverse condizioni e scenari al fine di garantire prestazioni ottimali e sicure dei sistemi di volo.

A questo scopo e al fine di creare un ambiente cloud privato sicuro per ospitare le simulazioni, i test e le analisi del software di volo della navicella Orion, Lockheed Martin ha scelto Red Hat OpenStack Platform e Red Hat Enterprise Linux. 

Test di viaggio

Gli sviluppatori software del gigante americano dell’aerospazio e della Difesa hanno utilizzato Red Hat OpenStack Platform per ospitare gli ambienti di simulazione e di test dell’intero viaggio e per l’esecuzione di test funzionali del sistema di volo eseguendo più versioni del software in parallelo al fine di ottimizzare l’uso dell’hardware e ridurre le richieste verso i team operativi.

WHITEPAPER
Cosa si può chiedere a ChatGPT? Scarica la guida 2023: consigli per l’uso, esempi ed opinioni

Funzioni automatizzate

Gli sviluppatori si sono affidati anche alle funzionalità automatizzate di Red Hat OpenStack Platform: hanno creato un catalogo standardizzato di immagini di macchine virtuali in evoluzione che potevano essere distribuite in modo rapido, ripetuto e coerente. Anche le impostazioni predefinite e le procedure di spegnimento sono state automatizzate per rendere il più possibile efficiente l’utilizzo delle risorse, permettendo al team di risparmiare molto tempo su queste procedure e concentrarsi sull’innovazione.

Simulazione in diversi scenari

Red Hat Enterprise Linux è il sistema operativo standard per le simulazioni di missione. La principale piattaforma Linux enterprise al mondo ha fornito a Lockheed Martin la stabilità, la sicurezza, le prestazioni elevate e l’affidabilità necessarie per eseguire una simulazione dal lancio all’atterraggio. Con il supporto di Red Hat OpenStack Platform e Red Hat Enterprise Linux, il team di Lockheed Martin è riuscito a costruire, testare e completare una simulazione di 28 giorni su diversi scenari che, completata con largo anticipo rispetto al lancio di Artemis I, ha contribuito al ritorno sicuro e trionfale della Nasa sulla Luna.

Artemis II a fine 2024

La prossima missione della Nasa, Artemis II, prevista per la fine del 2024 sarà dotata di equipaggio a bordo, e si tratterà così della prima spedizione umana sulla Luna dai tempi dell’Apollo 17. Lockheed Martin, Nasa e Red Hat opereranno in modo congiunto per assicurarsi che il lancio e il rientro di Artemis II avvengano senza problemi, come è successo con la prima missione.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 4