LA MISSIONE

Thales Alenia Space-Nasa, alleanza per la missione Neo Surveyor

Condividi questo articolo

Siglato il contratto con il prime contractor Ball Aerospace per fornire gli strumento per la trasmissione verso la terra dei dati telemetrici del veicolo spaziale e delle immagini acquisite dal telescopio di bordo. Primo lancio previsto per il 2028

Pubblicato il 13 Feb 2024

NEO Surveyor ©NASA JPL

Accordo siglato fra Thales Alenia Space, joint venture Thales (67%) e Leonardo (33%), e il prime contractor Ball Aerospace per la fornitura di dispositivi di comunicazione per la missione Neo Surveyor della Nasa.

Con il lancio previsto nel 2028, l’obiettivo principale di questa missione quinquennale è far progredire gli sforzi per difendere il nostro pianeta da oggetti vicini alla Terra, come asteroidi e comete ubicati in un raggio di 50 milioni di chilometri dall’orbita terrestre.

Neo Surveyor impiegherà un telescopio spaziale a infrarossi progettato per scoprire e caratterizzare almeno due terzi degli oggetti vicini alla Terra di dimensioni superiori a 140 metri, in grado di causare danni significativi in caso d’impatto con la Terra.

Missione di 5 anni

La missione Neo Surveyor, gestita dal Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa nella California meridionale, percorrerà 1,5 milioni di chilometri fino al punto di Lagrange L1 del sistema Terra-Sole, un’area di stabilità gravitazionale dove il veicolo spaziale rimarrà per cinque anni. Da questa posizione, Neo Surveyor osserverà il sistema solare nella banda degli infrarossi, invisibili all’occhio umano e in parte assorbiti dall’atmosfera terrestre.

Rilevare comete e asteroidi

Grazie a due canali di imaging a infrarossi sensibili al calore, il telescopio spaziale Neo Surveyor sarà in grado di rilevare le comete, gli asteroidi brillanti e anche quelli scuri, più difficili da trovare ed eseguirà misure accurate delle loro dimensioni, acquisendo inoltre preziose informazioni sulla loro composizione, forma, stato di rotazione e orbita.

Tecnologia all’avanguardia

Thales Alenia Space fornirà i transponder in banda S e i modulatori e gli amplificatori Travelling Wave Tube Amplifier (Twta) in banda K per la missione Neo Surveyor. I trasponder in banda S sono le unità dedicate alla ricezione dei comandi inviati dalla rete Deep Space Network (Dsn) della Nasa e alla trasmissione verso il segmento di terra dei dati telemetrici del veicolo spaziale, per determinare, tra l’altro, la sua posizione esatta in orbita e la sua distanza dalla Terra. Gli amplificatori di potenza e i modulatori in banda K trasmetteranno invece agli operatori le immagini acquisite dal telescopio.

Difesa planetaria

Emmanuel Terrasse, vice president equipment di Thales Alenia Space, ha spiegato che la fornitura di “dispositivi importanti per la missione Neo Surveyor della Nasa rappresenterà un significativo passo avanti nell’impegno di difesa planetaria per proteggere la Terra da asteroidi e comete pericolosi. Da oltre 40 anni, Thales Alenia Space fornisce tecnologie di comunicazioni essenziali per centinaia di missioni, dall’orbita terrestre bassa allo spazio profondo, tra cui le prestigiose missioni della Nasa per l’esplorazione dell’Universo, come i telescopi spaziali James Webb (Jwst) e Nancy Grace Roman”.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 2