ACCORDO ITALO-SPAGNOLO

D-Orbit si allea con Elecnor Deimos per portare in orbita Alisio-1

L’azienda avrà il compito di dislocare in orbita il primo cubesat realizzato dall’Instituto de Astrofísica de Canarias e che, grazie ad un sensore Swir, studierà gli effetti di desertificazione, incendi e perdite di petrolio

24 Ott 2022

Nicola Desiderio

D-Orbit

D-Orbit porterà in orbita il satellite Alisio-1 grazie ad un accordo con il costruttore Elecnor Deimos che lo ha realizzato per l’Instituto de Astrofísica de Canarias (Iac). Lo strumento per farlo sarà sempre il sistema di rilascio Ion Satellite Carrier che provvederà a rilasciare il cubesat 6U in orbita eliosincrona, ad un’altitudine compresa tra 500 e 700 km. Non comunicato il vettore per la missione che è prevista per il terzo trimestre del 2023.

Un Drago aggiornato

Il payload del satellite è stato sviluppato interamente dallo Iac ed è una evoluzione di Drago (Demonstrator for Remote Analysis of Ground Observations), una fotocamera spaziale a onde corte infrarosse (Swir – Short Waves InfraRed) in grado di acquisire immagini nella gamma di lunghezza d’onda compresa tra 1 micron e 1,7 micron.  Precedentemente, un Ion Satellite Carrier Ssv002 aveva provveduto a portare in orbita una versione precedente di Drago integrata all’interno di un payload di terzi.

WHITEPAPER
Mobilità sostenibile: una guida a progetti, incentivi e ruolo chiave di sharing e veicoli elettrici

Desertificazione, incendi e perdite di petrolio

La nuova versione installata sul cubesat spagnolo, denominata Drago-2, permetterà di ridurre la distanza di campionamento a terra (Gsd – Ground Sampling Distance), un parametro fondamentale per il rilievo fotogrammetrico, a circa 50 metri. Alisio-1 è invece il primo satellite dello Iac e sfrutterà Drago-2 con lo scopo di acquisire immagini Swir a medio-alta risoluzione per studiare gli effetti della desertificazione e l’impatto creato da incendi e fuoriuscite di petrolio.

Collaborazione già collaudata

“Siamo molto contenti che l’Instituto de Astrofísica de Canarias abbia scelto di collaborare ancora una volta con noi, questa volta come partner di lancio. Questo tipo di missioni spaziali, ad alte prestazioni ma a prezzi accessibili, sarebbe stato impensabile solo pochi anni fa. Siamo orgogliosi di collaborare con loro e con Elecnor Deimos, e di lanciare il primo satellite delle Isole Canarie” ha dichiarato Renato Panesi, Co-fondatore e chief commercial officer di D-Orbit.

Alisio-1, banco di prova per il futuro

“Con il lancio e il dispiegamento di Alisio-1 dell’Iac avremo una visione più precisa dei requisiti necessari per le prossime missioni terrestri e astronomiche, grazie all’applicazione di tecnologie all’avanguardia. Questa collaborazione è anche un altro esempio della forte e duratura cooperazione che stiamo instaurando con D-Orbit per il rilascio di piccoli satelliti tramite veicoli spaziali, e rappresenta un ulteriore passo avanti nella nostra roadmap commerciale finalizzata a future costellazioni complesse” afferma Pablo Morillo, Direttore dei sistemi satellitari di Elecnor Deimos.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4