L'ACCORDO QUADRO

D-Orbit e Npc Spacemind puntano al rafforzamento della filiera italiana

Si punta al rilascio di due satelliti cubesat entro fine anno e a personalizzazione e allargare la gamma dei servizi per i clienti

11 Nov 2022

Nicola Desiderio

Npc Spacemind

D-Orbit ha firmato con Npc Spacemind un accordo quadro per il lancio e il rilascio entro la fine dell’anno di due cubesat integrati a loro volta all’interno di un dispenser che sarà portato in orbita dal sistema di rilascio Ion Satellite Carrier.

Validazione di una nuova soluzione

La missione SCV008 avrà una doppia valenza. La prima è il rilascio dei due satelliti, di dimensioni diverse: uno è il Futura-SM1, un cubesat 3U, e il Futura-SM3 che è un 6U. La seconda è validare il dispenser stesso di Npc Spacemind affinché D-Orbit possa offrirlo come opzione aggiuntiva, consentendo dunque di mettere a disposizione dei clienti un’ulteriore possibilità di personalizzazione e allargare la gamma dei servizi.

WHITEPAPER
Modelli di agricoltura sostenibile per un’economia circolare
Smart agrifood
Sviluppo Sostenibile

Satelliti a matrioska

Nei fatti dunque l’accoppiata tra l’Ion Satellite Carrier e il dispenser di Npc Spacemind permetterà di avere una configurazione a matrioska. I vantaggi di questa soluzione è probabilmente nei costi e nella possibilità di integrare su un unico vettore una gamma di payload altamente differenziata senza alterare la struttura interna della parte alta del vettore né quella del veicolo di trasferimento orbitale.

Ideale logistico

Tale possibilità rende ancora più modulare l’Ion Satellite Carrier, avvicina la D-Orbit sempre di più all’obiettivo di essere il punto di riferimento per i sistemi di logistica spaziale e infine crea un’alleanza Tricolore al 100% all’interno di un settore ad alta specializzazione e ad elevato potenziale come quello dei servizi di lancio e messa in orbita per satelliti di piccole e piccolissime dimensioni.

Personalizzazione estrema

“Siamo entusiasti di unire le forze con Npc Spacemind per una partnership tutta italiana. L’eccellenza di Spacemind nella produzione di strutture spaziali migliorerà ulteriormente la nostra capacità di fornire dispenser personalizzati per adattarsi anche alle configurazioni di missione più insolite” ha dichiarato Renato Panesi, chief commercial officer di D-Orbit.

Il potenziamento della filiera

“È un privilegio lavorare con D-Orbit, punto di riferimento dei servizi di logistica spaziale e di trasporto orbitale – ha dichiarato Niccolò Bellini, production and program manager di Npc Spacemind con cui condividiamo l’attenzione per la sostenibilità ambientale nello spazio fin dagli esordi. Siamo entusiasti di questa collaborazione in virtù del potenziamento della filiera della space economy italiana”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4