RICERCA E INNOVAZIONE

Detriti spaziali, team di studenti italo-inglesi testa dispositivo hi-tech

Condividi questo articolo

In campo le Università di Parma, Pisa e Brighton. In assenza di gravità, su un volo parabolico dell’azienda Novespace a Bordeaux in Francia, sarà studiato il Pulsating Heat Pipe, tubo di calore pulsante dotato di elevata flessibilità meccanica. Il progetto nell’ambito del Petri Programme 

Pubblicato il 17 Mar 2023

bozzoli 1

È stato ribattezzato “Deploy!” (Deployable Pulsating Heat Pipe). È un progetto di ricerca scientifica e tecnologica appena selezionato dall’Esa (Agenzia spaziale europea) nell’ambito del Petri Programme, programma rivolto a studentesse e studenti universitari interessati allo spazio. 

Nei prossimi mesi un dispositivo tecnologico innovativo sarà testato da sei studenti e studentesse delle Università di Parma, Pisa e Brighton su un volo parabolico dell’azienda Novespace a Bordeaux in Francia. Per l’Università di Parma, partecipano al progetto Michele Bocelli, dottorando in ingegneria industriale, e Fabio Bozzoli, docente di fisica tecnica del Dipartimento di ingegneria e architettura.

In assenza di gravità sarà studiato un dispositivo di trasporto di calore chiamato Pulsating Heat Pipe (Php), o tubo di calore pulsante, dotato di elevata flessibilità meccanica.

Nuova tecnologia di Php

Questa nuova tipologia di Php è una soluzione promettente per le applicazioni spaziali ad assetto fortemente variabile, per esempio può essere utilizzata per ripiegare automaticamente i pannelli solari nello spazio e ridurre così il rischio di collisioni con detriti. 

Esperimento su un Boeing

L’esperimento sarà eseguito a bordo di un Boeing che, dopo essere salito a quota 7500 metri, andrà in caduta libera per circa 20 secondi nei quali si vivrà l’assenza di peso; questo accadrà per ben 30 volte consecutive, in ognuno dei tre voli previsti. 

È in quel momento di caduta libera che l’esperimento potrà essere testato. I componenti del team saranno a bordo dell’aereo per condurre direttamente il test. 

Un team che parla italiano

Questa nuova ricerca prosegue anche il lavoro del professor Fabio Bozzoli e del suo gruppo di ricerca che, grazie a un precedente finanziamento dell’Agenzia spaziale europea, aveva applicato la termografia allo studio di dispositivi in assenza di gravità.

Il “Deploy! Project” è stato ideato anche con lo scopo di favorire una collaborazione fra studenti e per dare loro la possibilità di interagire con altre università.

Oltre a Bocelli, fanno parte del team, dall’Università di Pisa il team leader Alessandro Billi, Silvia Picchi, Vittorio Rosellini, Nicola Ricci ed Erin Saltmarsh dell’Università di Brighton.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 2