IL PROGETTO PASTORALP

Pascoli e prati: dati satellitari per monitorare i territori

Avviato nel parco del Gran Paradiso, si estenderà a breve su tutta quanta la superficie della Valle d’Aosta. Finanziato dalla Ue è coordinato dall’Università di Firenze in partnership con Arpa e Institut agricole régional

20 Mar 2023

Paolo Marelli

33888931075_3f1006c1e4_b

Mappare e censire i pascoli utilizzando i dati dei satelliti: è l’obiettivo dell’innovativo progetto Life Pastoralp che mira ad scattare una fotografia dettagliata del territorio montano, monitorando lo stato di salute degli alpeggi alla luce del cambiamento climatico in corso. Una prima sperimentazione è già stata avviata sul sito pilota del Parco nazionale del Gran Paradiso. E l’iniziativa presto sarà estesa a tutta la Valle d’Aosta.

Pool di enti protagonisti

Il progetto è stato presentato al Forte di Bard, dove ricercatori, responsabili politici, tecnici hanno discusso le principali questioni legate al clima che interessano i sistemi agropastorali di montagna. 

WHITEPAPER
Cos’è la space economy, in pratica: norme, regole e trend
Robotica
EdTech

Il progetto è stato coordinato dall’Università di Firenze, con la partecipazione di soggetti italiani e francesi, tra i quali l’Arpa e l’Institut Agricole Régional. Durante l’avanzamento del progetto, l’assessorato all’Agricoltura e alle Risorse naturali della Regione Valle d’Aosta ha colto l’opportunità e ha siglato una convenzione con l’Arpa, l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente della Valle d’Aosta, per estendere lo studio a tutto il territorio valdostano e a realizzare un catasto dei pascoli della regione

Più tutela per i pascoli

“Si tratta di un’iniziativa di grande interesse per la Valle – dice l’assessore regionale all’agricoltura Marco Carrel – perché il tema dei pascoli alpini e della loro gestione è al centro del complesso sistema di aiuti finanziati dall’Europa, dallo Stato e dalla Regione. In questo quadro, per determinare l’ammissibilità a premio delle superfici dei nostri pascoli, finora è stato l’organismo pagatore Agea ad imporci la sua lettura del territorio. Una lettura che, tra l’altro, veniva rivista ogni tre anni, apportando spesso sostanziali modifiche ai dati che erano stati comunicati. Ora invece, grazie a questo importante lavoro, potremo tornare a definire le nostre specificità regionali e i nostri modelli gestionali”. 

Un aiuto agli agricoltori

Trasferendo a scala regionale i risultati del progetto Pastoralp e rendendoli funzionali ai nuovi strumenti di programmazione della politica agricola, l’obiettivo sarà non solo quello di riuscire a migliorare la gestione dei prati-pascoli, ma anche di rendere queste informazioni di più facile utilizzo da parte degli agricoltori. 

Il sistema sarà un valido supporto per conoscere nel dettaglio le caratteristiche dei pascoli, che rappresentano il 97% della superficie agricola regionale, per realizzarne un quadro accurato, per poterlo monitorare e, quando necessario, poterlo aggiornare in autonomia. 

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5