STRATEGIE

Leonardo, memorandum con l’Arabia Saudita su aerospazio e difesa

Il presidente Pontecorvo: “Opportunità per realizzare una piattaforma per sviluppare congiuntamente nuove tecnologie, attraverso l’esperienza e le capacità delle parti”

05 Feb 2024

Paolo Marelli

Leonardo -Arabia Saudita

Siglata una partnership strategica. Leonardo ha firmato con il Ministero degli investimenti dell’Arabia Saudita (Misa), l’Autorità generale per l’industria militare (Gami) un Memorandum of understanding (Mou) con “l’obiettivo di discutere, sviluppare e valutare una serie di investimenti e opportunità di collaborazione nei settori dell’aerospazio e della difesa”, riferisce in una nota il colosso industriale italiano. L’annuncio dell’intesa è stato fatto in occasione del World Defence Show, in svolgimento a Riad fino all’8 febbraio.

Dallo Spazio ai radar

Molteplici le potenziali aree di cooperazione al centro dell’accordo: Spazio, manutenzione/riparazione/revisione per aerostrutture, localizzazione per sistemi di guerra elettronica, radar e per l’assemblaggio di elicotteri. Il Mou offre inoltre alle parti un focus su aree specifiche, sia nel settore del combattimento aereo, che in quello dell’integrazione multi-dominio, campi dove Leonardo sta sviluppando tecnologie di nuova generazione e implementando una serie di progetti dimostrativi abilitanti.

WHITEPAPER
Le strategie che fanno bene al business e alla cyber security
Cybersecurity
Disaster recovery

Queste potrebbero includere sistemi a pilotaggio remoto, sensori integrati, tecnologie digitali, processi di industrializzazione e sviluppo del capitale umano. Le parti si impegnano altresì ad esplorare opportunità per la supply chain nazionale in Arabia Saudita e, più in generale, per il ruolo di Leonardo nella regione e nella catena del valore globale. 

Cooperazione sulla difesa

Per il presidente di Leonardo, Stefano Pontecorvo, “questa firma rappresenta non solo un’importante opportunità per consolidare la cooperazione sulla difesa e rafforzare una visione comune sulle operazioni future del combattimento aereo, ma anche una piattaforma per sviluppare congiuntamente nuove tecnologie, attraverso l’esperienza e le capacità delle parti”.

Soluzioni ad alta tecnologia

“L’accordo – ha detto Lorenzo Mariani, condirettore generale di Leonardo – ci permetterà di fare una valutazione approfondita riguardo nuove opportunità di collaborazione in diversi settori, beneficiando di oltre 50 anni di presenza di Leonardo e della stretta cooperazione con l’Arabia Saudita. Ci impegniamo a lavorare assieme per studiare come rafforzare la nostra partnership con soluzioni ad alta tecnologia e capacità localizzate in campo R&D, industriale e dei servizi”.

Collaborazione avviata da tempo

Per decenni Leonardo ha fornito al Paese piattaforme, sistemi, tecnologie e servizi, dal trasporto aereo, al supporto all’industria energetica, agli elicotteri, fino a sistemi elettronici e sensori, a cui si aggiungono sistemi per la difesa marittima e cyber, oltre a un contributo chiave nel campo della difesa aerea. Quest’ultimo accordo rappresenta l’ultimo passo nel rafforzare le attività di Leonardo nel Regno saudita, a partire dalla costituzione di un hub regionale, e creare nuove opportunità in diversi settori grazie ad una consolidata presenza.

Sviluppo sostenibile

Collaborando con partner locali, istituti di ricerca e utenti finali, Leonardo potrà generare sviluppo sostenibile e attività di produzione nel Paese. Il Mou contribuirà significativamente alla Vision 2030 dell’Arabia Saudita finalizzata all’implementazione di riforme senza precedenti nel settore pubblico, alla diversificazione dell’economia, per consentire a cittadini e imprese di raggiungere pienamente il loro potenziale e creare opportunità di crescita innovative.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5