IL NUOVO CONSORZIO

Aerospazio green, 6 startup italiane uniscono le forze in DecaStar

Condividi questo articolo

Dalle sonde stratosferiche coordinate dall’intelligenza artificiale ai nanosatelliti che monitorano i detriti: il progetto “Decarbonization and Environmental Conservation in Aerospace and Space Technologies Advancing Research” punta a promuovere la decarbonizzazione e la conservazione ambientale attraverso l’innovazione e la tecnologia spaziale

Pubblicato il 18 Ott 2023

Foto-gruppo

Dalle sonde stratosferiche coordinate dall’intelligenza artificiale ai nanosatelliti che monitorano i detriti spaziali: sei startup italiane (2ndSpace di Faenza, Arca Dynamics di Roma, Delta Space Leonis di Roma, Involve Space di Como, Nabu di Torino e Novac di Modena) uniscono le forze nel nuovo consorzio di Deca Star, che si è consolidato all’interno di “Space it Up”, il programma di Agenzia Ice (Italian Trade Agency) e Agenzia Spaziale Italiana (Asi). Questo programma ha portato le startup innovative italiane nell’epicentro dell’industria aerospaziale mondiale a Houston (Stati Uniti), per cinque settimane di formazione e networking con investitori e stakeholder del settore al fine di far avanzare il processo di internazionalizzazione aziendale.

Parola d’ordine: sostenibilità

Deca Star (Decarbonization and Environmental Conservation in Aerospace and Space Technologies Advancing Research) è la partnership pionieristica che riunisce sei startup leader nel settore aerospaziale. E la prima missione di questa collaborazione ha l’obiettivo di promuovere la decarbonizzazione e la conservazione ambientale attraverso l’innovazione e la tecnologia spaziale. Il cuore dell’iniziativa Deca Star è rappresentato da una vasta gamma di applicazioni, con particolare attenzione al monitoraggio spaziale, terrestre, marittimo e infrastrutturale mediante avanzate tecnologie di remote sensing.

Piattaforma rivoluzionaria

Involve Space, uno dei partner fondatori di Deca Star, userà Stratostats, una rivoluzionaria piattaforma pseudo-satellitare. Utilizzando sonde sollevate da palloni stratosferici a zero emissioni, e controllate da sofisticati algoritmi di intelligenza artificiale, Stratostats è in grado di raggiungere e mantenere altitudini di 20-30 mila metri. Le sonde trasportano payload per il monitoraggio terrestre e la raccolta di dati pseudo-satellitari.

Più sicurezza nello Spazio

Arca Dynamics userà la sua costellazione di cubesats per monitorare il traffico spaziale e marittimo per rendere più sicure le operazioni sia nello Spazio che in mare, Delta Space Leonis userà i suoi picosatelliti per applicazioni IoT a basso costo, mentre 2ndSpace produrrà nanosatelliti tecnologicamente avanzati in grado di abilitare le soluzioni proposte. I satelliti potranno essere sperimentati a bordo di Stratostats prima di essere messi in orbita ed operare fornendo dati satellitari. Infine, l’innovativa tecnologia dei supercondensatori solidi modellabili di Novac sarà testata, garantendo un’alimentazione affidabile e ottimizzata, mentre i dati raccolti saranno elaborati grazie ai servizi di sensoristica di Nabu.

Soluzioni all’avanguardia

Deca Star mira a creare soluzioni avanzate per il monitoraggio remoto sia della qualità dell’aria e del suolo che alla salvaguardia delle orbite terrestri e degli ecosistemi marini per la conservazione e tutela delle preziose risorse del nostro pianeta. Le tecnologie avanzate di remote sensing e di elaborazione dati saranno fondamentali per raggiungere questo obiettivo.

La partnership non solo mira a creare un futuro sostenibile per il nostro pianeta, ma si impegna attivamente a sviluppare soluzioni all’avanguardia per affrontare sfide globali cruciali.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 3