LA SURVEY

Industria spaziale, l’Esa a caccia di best practice

Condividi questo articolo

Via all’indagine, rivolta in particolare le piccole e medie imprese, per raccogliere preziose indicazioni sulle migliori pratiche e per valutare come l’industria europea tragga vantaggio dalle lezioni apprese. I risultati serviranno all’Agenzia spaziale europea per migliorare il proprio supporto all’ecosistema

Pubblicato il 06 Giu 2023

E-learning education, internet lessons and online webinar. Person who attends online lessons on a digital screen.Education internet Technology.

L’Esa (l’Agenzia spaziale europea) è a caccia delle best practise dell’industria spaziale. E per raggiungere questo obiettivo invita, in particolare le piccole e medie imprese (Pmi), a partecipare a un sondaggio sulle lezioni apprese nel settore.

Questa indagine mira a raccogliere preziose informazioni sulle migliori pratiche apprese dalla aziende direttamente dalle loro esperienze mentre lavorano a progetti nel comparto spaziale e su come, facendo leva sulla loro esperienza, possano incrementare e perfezionare le loro scelte aziendali future.

Il questionario, la cui compilazione richiede circa 15 minuti, è disponibile qui e l’ufficio delle piccole e medie imprese dell’Esa fornirà feedback e follow-up.

L’esperienza, una risorsa

L’Agenzia europea applica sistematicamente le lezioni apprese nei suoi programmi spaziali da circa sei anni e quelle su singoli progetti da quasi due decenni allo scopo di migliorare il successo e l’efficienza delle sue attività future.

Catturando e analizzando la conoscenza delle precedenti missioni ed esperienze, l’Esa identifica le migliori pratiche e le aree in cui sia necessario un miglioramento. L’Esa integra questo processo di apprendimento nelle sue attività e aggiorna i processi, documenti e formazione, assicurandosi che preziose intuizioni e insegnamenti siano incorporati nei programmi futuri.

Aiuto concreto alle aziende

L’indagine mira a valutare in che modo l’industria europea beneficia attualmente delle lezioni apprese e in che modo l’Esa possa sostenere ulteriormente questo approccio. La partecipazione di più membri del settore all’indagine consentirà all’Agenzia spaziale di personalizzare al meglio la propria offerta di supporto e aiuto.

L’Esa cerca di raccogliere dati da un ampio numero di aziende in Europa e ottenere informazioni sulle prospettive e le aspettative del settore. Inoltre, il sondaggio aiuterà a valutare i diversi modi di lavorare dell’industria spaziale sia tradizionale che della New Space.

Competenze e e conoscenze

Nell’ambito della sua Agenda 2025, l’Esa si impegna a fornire competenze e conoscenze tecniche agli Stati membri e alle loro aziende, con l’obiettivo di aumentare la competitività e la forza del settore spaziale europeo. I risultati dell’indagine contribuiranno a rafforzare il sostegno dell’Agenzia spaziale, facilitando un efficace scambio di conoscenze e promuovendo miglioramenti nel settore spaziale europeo nel suo complesso.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 3