IL CONTRATTO

Osservazione della Terra, Kari si affida ad Arianespace

Il satellite Kompsat-6 per l’Istituto di Ricerca aerospaziale della Corea sarà lanciato nel 2024 a bordo di Vega C . Fornrià immagini radar ad alta risoluzione per Gis (Geographical Information Systems) e consentirà il monitoraggio ambientale, nonché la gestione di oceani e territorio

01 Giu 2023

Paolo Marelli

unnamed

L’azienda francese Arianespace ha siglato un contratto per il lancio del satellite di osservazione della Terra Kompsat-6 che sarà portato in orbita dal razzo leggero europeo Vega C. Kompsat-6 sarà lanciato dallo spazioporto europeo di Kourou, nella Guyana francese, a dicembre 2024.

A fianco della Corea del Sud

Stéphane Israël, ceo di Arianespace, ha affermato che la società è orgogliosa di supportare Kari, l’Istituto di ricerca aerospaziale della Corea del Sud. “Dal 1992 e dal lancio del primo satellite coreano su Ariane 4 – ha spiegato Israël -, abbiamo orbitato un totale di 8 veicoli spaziali per enti pubblici e privati, tra cui recentemente Geo-Kompsat-2A e 2B. Con questo imminente lancio, che si aggiunge al Kompsat-7 lanciato anche da Vega C, siamo lieti di servire gli interessi del paese con il nostro veicolo di sollevamento leggero e di schierare un nuovo satellite di osservazione della Terra che consentirà alla Corea di monitorare meglio l’ambiente e proteggere la sua popolazione”.

WHITEPAPER
Cos’è la space economy, in pratica: norme, regole e trend
Space Economy

Satellite radar

Kompsat-6 è il secondo satellite per imaging Sar (Synthetic Aperture Radar) sviluppato da Kari. Sostituirà il suo predecessore, Kompsat-5, implementando prestazioni radar di imaging migliorate. Questo satellite per l’osservazione della Terra trasporterà due carichi utili, lo strumento Sar (X-Band Synthetic Aperture Radar) e l’S-Ais (Satellite-Automatic Identification System). 

Osservazione della Terra

Il carico utile Sar è un imager per tutte le stagioni ad alta risoluzione, che ha applicazioni nella mappatura, nel Gis, nel monitoraggio dell’ambiente e dei disastri, nonché nella gestione degli oceani e del territorio. Il payload S-Ais è un sistema wireless marittimo utilizzato per identificare posizione, direzione, destinazione e carico di navi più grandi con lo scopo principale di prevenire le collisioni e con applicazioni aggiuntive nella gestione del traffico marittimo.

Vega C, l’Esa e Avio

Con una carenatura più grande, ma anche più versatile, il nuovo lanciatore leggero europeo Vega C si conferma adatto a servire l’intera gamma di carichi utili di osservazione della Terra, compresi i satelliti radar più pesanti. Va ricordato che Vega C rientra in un programma dell’Esa ed realizzato in cooperazione tra istituzioni pubbliche e industria privata in 12 Stati partner europei. Un progetto che parla italiano, in quanto Avio di Colleferro è il prime contractor di Vega C, responsabile dello sviluppo del sistema di lancio e della consegna ad Arianespace di un lanciatore “pronto al volo” presso lo spazioporto europeo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 2