ASTRONOMIA

Blazar, il telescopio Ixpe cattura dettagli senza precedenti

Pubblicate nuove scoperte su Markarian 421, un nucleo galattico attivo e una potente sorgente di raggi gamma che si trova nella costellazione dell’Orsa Maggiore, all’incirca a una distanza di 400 milioni di anni luce dalla Terra. Il progetto nato da una collaborazione tra la Nasa e l’Agenzia Spaziale Italiana, con il contributo di Inaf e Infn

21 Lug 2023

Paolo Marelli

ASI

L’universo risplende di energia prodotta non solo da stelle, nebulose e brulicanti vivai galattici, ma anche dai getti di elettroni liberi originati da alcuni tra i più potenti oggetti cosmici: i nuclei galattici attivi noti come “blazar”. Così, un team internazionale di astrofisici, utilizzando i dati dal telescopio Ixpe (Imaging X-ray Polarimetry Explorer) della Nasa, realizzato in collaborazione con l’Agenzia spaziale italiana (Asi), ha pubblicato sull’ultimo numero di  “Nature Astronomy” nuove scoperte sul blazar denominato Markarian 421, un nucleo galattico attivo e una potente sorgente di raggi gamma che si trova nella costellazione dell’Orsa Maggiore, all’incirca a una distanza di 400 milioni di anni luce dalla Terra.

Le nuove scoperte

“Markarian 421 è una vecchia conoscenza degli astronomi che scrutano l’universo estremo”, ha detto l’astrofisica dell’Agenzia spaziale italiana, Laura Di Gesu, prima autrice di questa pubblicazione: “Eravamo sicuri che questo blazar sarebbe stato un obiettivo interessante per Ixpe, ma questa scoperta ha superato le nostre migliori aspettative. Ha, infatti, mostrato come la misura della polarizzazione dei raggi X arricchisca la nostra capacità di sondare la complessa geometria del campo magnetico e l’accelerazione delle particelle in diverse regioni dei getti relativistici. Un momento entusiasmante per gli studi sui getti astrofisici”. 

WHITEPAPER
Cos’è la space economy, in pratica: norme, regole e trend
Robotica
EdTech

Che cos’è un blazar

Un blazar è un nucleo galattico attivo identificato grazie all’espulsione del suo potente getto di elettroni liberi nella direzione degli osservatori terrestri come telescopi terrestri e spaziali.  La “fiammata” prodotta da questi getti è molto luminosa e, per questo, altamente rivelabile a causa dagli effetti dello spazio-tempo relativistico sulla luce del getto. 

Visioni senza precedenti

Nonostante decenni di studio, gli scienziati non hanno ancora compreso appieno i processi fisici che determinano la dinamica e l’emissione dei getti relativistici espulsi dai blazar. Ma la rivoluzionaria capacità di Ixpe di misurare la polarimetria nei raggi X, ovvero la capacità di misurare la direzione media del campo elettrico delle onde luminose, offre agli astronomi una visione senza precedenti di questi oggetti, della loro geometria e dell’origine delle loro emissioni. 

“Ci aspettavamo che la direzione della polarizzazione potesse cambiare, ma pensavamo che le rotazioni di maggior entità sarebbero state rare, sulla base di precedenti osservazioni ottiche di molti blazar”, ha affermato Herman Marshall, fisico ricercatore presso il Massachusetts Institute of Technology di Cambridge e coautore dello studio. 

Le ricerche continuano

Ixpe ha così effettuato tre osservazioni del blazar: ”Questa notevole scoperta suggerisce l’idea che il plasma responsabile dell’emissione nei raggi X segua la struttura elicoidale del campo magnetico all’interno dei getti, come suggerito da Alan Marscher e il suo team nel 2008 con osservazioni nelle onde radio”, commenta Dawoon Kim, dottorando presso l’Inaf di Roma e tra gli autori dello studio. 

Ixpe continuerà ad osservare Markarian 421 e altri blazar per saperne di più su queste fluttuazioni del getto e sulla frequenza con cui si verificano. 

Partnership Nasa-Asi

Ixpe è una collaborazione tra la Nasa e l’Agenzia spaziale italiana con partner e collaboratori scientifici in 12 Paesi. Ixpe è guidato dal Marshall Space Flight Center dell’Agenzia spaziale americana a Huntsville, in Alabama. Ball Aerospace, con sede a Broomfield, in Colorado, gestisce le operazioni dei veicoli spaziali insieme al Laboratorio di fisica dell’atmosfera e dello spazio dell’Università del Colorado a Boulder. Le osservazioni di Ixpe di Markarian 421 sono state integrate con i dati raccolti da osservatori partner negli Stati Uniti e in Francia, Giappone, Spagna e Creta.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5