SPACE ECONOMY INSTITUTE

Space e venture capital, ecco su cosa puntano gli investitori

Condividi questo articolo

Lo spazio viene sempre più percepito come la prossima grande frontiera economica e tecnologica. Banda larga satellitare, Internet of space things e turismo spaziale i tre ambiti dalle potenzialità crescenti. Riflettori anche su nano satelliti, veicoli di lancio riutilizzabili, robotica, intelligenza artificiale e machine learning

Pubblicato il 09 Gen 2024

LOGOSPACE

Gli investimenti di venture capital nella tecnologia spaziale sono aumentati in modo significativo negli ultimi anni man mano che il settore ha guadagnato slancio e attirato un interesse crescente. Secondo la società di analisi spaziali Bryce Space & Technology, i finanziamenti VC alle startup spaziali si sono espansi da meno di 200 milioni di dollari nel 2010 a 7,7 miliardi nel 2021. Le startup interessate vanno dalla costruzione di razzi e satelliti allo sviluppo di servizi basati nello spazio per comunicazioni, imaging, produzione e altro ancora.

Aziende come Orbit Fab e Planet hanno raccolto decine di milioni per finanziare le loro ambizioni nella logistica spaziale e nell’imaging della Terra, mentre SpaceX ha ottenuto oltre 6 miliardi di dollari di finanziamenti VC ad oggi. Questa crescita esponenziale rispecchia la traiettoria del venture capital in altri settori tecnologici dirompenti come intelligenza artificiale, biotecnologie e Internet nei decenni precedenti.

Man mano che i costi di lancio si riducono grazie a innovazioni come i razzi riutilizzabili, lo spazio viene sempre più percepito come la prossima grande frontiera economica e tecnologica dagli investitori.

L’emergere di venture capital spaziale specializzato

Si sono affermate società di venture capital spaziale specializzate, come Space Capital, SpaceFund ed Embedded Ventures, focalizzate esclusivamente sul finanziamento di startup spaziali. Anche importanti società di VC generaliste come Andreessen Horowitz, Bessemer Venture Partners e Sequoia Capital ora mirano attivamente alla tecnologia spaziale, portando ingenti capitali insieme a competenze nelle startup.

Ad esempio, Insight Partners si è impegnata con oltre 1 miliardo di dollari nel 2022 per finanziare specificamente aziende spaziali, dimostrando l’appetito in rapida crescita di VC. Gli investitori specializzati comprendono le particolari complessità tecniche e di business del settore spaziale.

Il venture capital è particolarmente adatto all’intensità di capitale e all’alto rischio/rendimento delle aziende spaziali. Il capitale investito con un orizzonte temporale medio-lungo fornisce il tempo necessario per sviluppare hardware e servizi complessi con lunghi cicli di progettazione e arrivare sul mercato. Exit di successo come l’Ipo di Rocket Lab e la fusione Spac di Planet convalidano anche il valore della tecnologia spaziale agli occhi degli investitori.

Fattori chiave che guidano l’interesse degli investitori

Alcuni fattori chiave rendono attualmente lo spazio particolarmente attraente per gli investitori di venture capital:

  • Costi di lancio più bassi grazie ad aziende come SpaceX che hanno democratizzato l’accesso allo spazio.
  • Crescita prevista dell’economia spaziale globale da 420 miliardi di dollari nel 2020 a oltre 1 trilione entro il 2040 (Morgan Stanley).
  • Enormi mercati emergenti come la banda larga satellitare, l’Internet delle cose spaziale, il turismo spaziale.
  • Domanda per sicurezza nazionale e contratti governativi che forniscono clienti e ricavi stabili.
  • Imprenditori miliardari come Elon Musk e Jeff Bezos che attraggono talenti di primario livello.
  • Maturità tecnologica in aree come nano satelliti, veicoli di lancio riutilizzabili, robotica, intelligenza artificiale e machine learning.

Valutazione rischi e complessità

Nonostante l’entusiasmo, portare al successo le startup spaziali rimane estremamente impegnativo. Storicamente solo 1 startup spaziale su 5 sopravvive oltre i 5 anni. Le complessità tecniche sono elevate e spesso i mercati target devono ancora svilupparsi pienamente. Gli investitori più accorti conducono un’approfondita due diligence su team di gestione, tecnologia sottostante, dinamiche di mercato, sostenibilità economica, questioni normative, barriere all’entrata e rischi esecutivi.

Sono necessarie competenze specialistiche nel valutare in modo appropriato le esigenze di capitale e i percorsi di crescita nello spazio profondo. La diversificazione del portafoglio e il finanziamento a stadi legato a milestone operativi contribuisce a mitigare i rischi. Gli investitori cercano fondatrici e fondatori che comprendano le realtà operative dello spazio.

Una fervente corsa spaziale è in atto

Con l’abbondante disponibilità di capitale di rischio, è emersa una fervente corsa spaziale tra le numerose startup che lavorano per commercializzare lo spazio. Le ricompense andranno a quelle startup capaci di bilanciare il ritmo rapido e i costi ridotti richiesti con un’esecuzione ingegneristica e gestionale rigorosa. La nuova era spaziale è qui e il venture capital ne sta alimentando vigorosamente l’ascesa. Ci aspettano anni entusiasmanti mentre queste nuove imprese spaziali prendono il volo.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 5