IL PIANO

Eutelsat, Berneke: “Da fusione con OneWeb enorme potenziale”

Condividi questo articolo

L’operazione sarà completata entro il primo semestre di quest’anno. Domanda di connettività in forte espansione, prospettive di business più che positive. Intanto la società presenta i risultati del primo trimestre fiscale

Pubblicato il 21 Feb 2023

Il boom della connettività mobile, con una domanda in forte espansione, fa dire a Eva Berneke, amministratore delegato di Eutelsat Communications, che la fusione con la britannica OneWeb abbia “un enorme potenziale per i mercati” e che possa aprire ampie prospettive di crescita per il business. Unione tra le due società che, secondo le previsioni, dovrebbe concludersi nel secondo o terzo trimestre di quest’anno.

I risultati finanziari

Il commento della ceo danese al timone di Eutelsat arriva nell’ambito della presentazione dei risultati finanziari della semestrale che si è chiusa al 31 dicembre 2022: “Eutelsat ha realizzato un solido semestre – afferma Berneke -, con i ricavi dei nostri settori operativi all’interno del range dei nostri obiettivi per l’intero anno e una redditività del settore mantenuta con un Ebitda del 73%. Questa performance finanziaria ci consente di confermare la nostra previsione per l’intero anno 2022-23 e per gli anni successivi”. 

La crescita di Eutelsat Quantum

Spiega ancora Berneke: “L’inizio dell’anno ha visto anche un notevole successo operativo, con il forte aumento commerciale in corso di Eutelsat Quantum e un numero record di quattro lanci di satelliti, fornendo sia la continuità del servizio che la capacità incrementale che apriranno la strada al nostro ritorno alla crescita nell’esercizio 2023-24”.

La fusione con OneWeb

Su OneWeb, l’ad di Eutelsat, aggiunge che la società britannica, con la sua costellazione di satelliti per l’Internet veloce e a banda larga, “continua la sua crescita commerciale e l’accordo per unire le nostre due società è sulla buona strada per arrivare a una chiusura nel secondo o nel terzo trimestre del 2023”.

Quattro nuovi satelliti

Stringendo il focus sulle performance finanziarie di Eutelsat, i ricavi sugli asset principali nel primo semestre sono in calo del 4,1% su base omogenea. Nonostante questa diminuzione, però, la redditività è quella di una società leader nel settore con un margine Ebitda del 73%. Il flusso di cassa libero è di 121 milioni di euro, riflette la graduale messa in atto dei programmi satellitari e rimane sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo dell’intero anno. Con il lancio di quattro satelliti nel primo semestre (Konnect Vhts, Eutelsat 10B, Hotbird 13F e Hotbird 13G) si sono gettate le basi per un ritorno alla crescita. 

A ciò si aggiunga inoltre la rapida crescita di Eutelsat Quantum con 7 degli 8 beam commercializzati nel primo anno di servizio e gli ulteriori progressi nella strategia Telecom Pivot, con la riuscita riorganizzazione della struttura aziendale lungo due business unit (video e connettività) per rafforzare la centralità del cliente e affrontare meglio le opportunità di mercato.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 3