IL PROGETTO

Osservazione della Terra, in orbita il primo satellite del Kenya

Lanciato da un razzo SpaceX è destinato a fornire dati utili in particolare per il settore dell’agricoltura e il monitoraggio ambientale. Il Paese dell’Africa orientale sta attraversando una fase di siccità storica. E secondo l’Agenzia spaziale kenyota permetterà anche di sviluppare capacità tecnica sull’intera catena del valore e delle applicazioni

17 Apr 2023

Paolo Marelli

mission-propellant-explosion-booster-thumbnail

Il primo satellite del Kenya è finalmente in orbita. Dopo due tentativi rinviati negli ultimi giorni a causa del maltempo, è stato lanciato da un razzo SpaceX. Il Falcon 9 è decollato dalla base di Vandenberg, in California, e ha sganciato alcune decine di satelliti un’ora dopo, tra cui il keniota Taifa-1 (“Nazione-1”, in lingua swahili). 

Osservazione della Terra

Il primo satellite per l’osservazione della Terra del Kenya è stato progettato e sviluppato da un team di ricercatori kenioti, ma è stato costruito da Endurosat in Bulgaria per un costo totale di 50 milioni di scellini kenioti (371.000 dollari). 

WHITEPAPER
Cos’è la space economy, in pratica: norme, regole e trend
Robotica
EdTech

Il satellite sorvolerà il paese africano ogni quattro giorni e fornirà dati utili per l’agricoltura e il monitoraggio ambientale del Kenya. Si tratta di dati necessari e molto importanti per questa nazione dell’Africa orientale che attualmente sta attraversando una storica siccità.

Un team di analisti

I dati del satellite arriveranno a terra nei prossimi mesi e l l’Agenzia spaziale del Kenya (Ksa) ha istituito un apposito team di analisti. La stessa agenzia ha affermato che le informazioni saranno distribuite gratuitamente alle altre agenzie governative, mentre per le società private saranno a pagamento, anche se è stato fatto sapere che il prezzo sarà contenuto.

Economia spaziale kenyota

In una dichiarazione congiunta della scorsa settimana, il ministero della Difesa keniota e l’Agenzia spaziale del Kenya (Ksa) hanno parlato di “un’importante pietra miliare” che dovrebbe dare impulso alla “nascente economia spaziale” del Kenya. 

“Abbiamo benefici diretti dall’esplorazione spaziale, saremo in grado di migliorare la nostra sicurezza alimentare”, ha detto Pattern Odhiambo, un ingegnere della Ksa che ha partecipato al progetto. 

Grazie alle immagini della fotocamera multispettrale del satellite, “saremo in grado di avere dati di osservazione della Terra di alta qualità, che ci aiuteranno a prevedere la resa dei raccolti”, ha spiegato. 

52 satelliti africani

Il Kenya ha inviato il suo primo nano-satellite nello spazio nel 2018. Secondo Space in Africa, una società nigeriana che segue i programmi spaziali africani, dal 2022 sono stati inviati nello spazio più di 52 satelliti africani. L’Egitto è stato il primo Paese del continente a inviare un satellite nello spazio nel 1998.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5