IL PROGETTO

Tecnologie aerospaziali per l’agricoltura: via a Sardinia Lands

Condividi questo articolo

Le vocazionalità agro-ecologiche della Sardegna, oggetto di studio nelle aree di Nurra, Arzana-Loceri, Muravera, Pula-Capoterra, portato avanti da Agris e Crs4 con la collaborazione dell’Arpas, I dati, acquisiti ed elaborati dai satelliti e dai sensori di prossimità, sono stati integrati in una piattaforma utile a supportare le decisioni per una pianificazione strutturata del territorio, con l’obiettivo di tutelare e valorizzare gli agrosistemi locali, tenendo conto dei cambiamenti climatici

Pubblicato il 03 Lug 2023

Smart,Farming,With,Iot,,Futuristic,Agriculture,Concept,:,Farmer,Wears

Satelliti e droni alleati dell’agricoltura in Sardegna. Le tecnologie aerospaziali saranno un valido aiuto per assicurare la sostenibilità ambientale e difendere le risorse naturali per i coltivatori di olivo, mandorlo, agrumi, vite e altri prodotti agricoli dell’isola. È questo l’obiettivo del progetto Sardinia Lands, portato avanti dall’agenzia per l’innovazione e la ricerca, Agris, e dal centro di ricerca e sviluppo, Crs4, con la collaborazione dell’Arpas, il dipartimento per il meteoclimatico della Regione. 

Satelliti e droni in campo

L’iniziativa si focalizza sulle zone di Nurra, Arzana-Loceri, Muravera, Pula-Capoterra. Sulle quattro macro-aree individuate sono state compiute oltre 24 rilevazioni satellitari e 30 con l’utilizzo dei droni, in 8 aziende agricole coinvolte nel progetto. Per la creazione della piattaforma Sardinia Lands è stato utilizzato un modello multicriteriale basato su un set di strumenti (mappe di capacità d’uso del suolo, analisi di dati satellitari, dati storici climatici, bioclimatici e agronomici) che consente di rappresentare la vocazionalità agricola su ampia scala.

Agricoltura di precisione

I dati, acquisiti ed elaborati, sono stati integrati in una piattaforma utile a supportare le decisioni per una pianificazione strutturata del territorio, con l’obiettivo di tutelare e valorizzare gli agrosistemi locali, tenendo conto dei cambiamenti climatici in corso.

Nello specifico delle metodologie utilizzate per il progetto e la creazione della piattaforma integrata, le attività hanno riguardato l’analisi geo-spaziale del territorio attraverso la combinazione di dati pedologici e bioclimatici. In parallelo, è stata effettuata un’analisi di casi studio per la validazione degli indici ottenuti dall’elaborazione dei dati provenienti dai diversi strumenti, tra cui sensori multispettrali e termici, al fine di promuovere l’applicazione di tecnologie avanzate e indirizzare il tessuto locale verso sistemi produttivi che sfruttano l’agricoltura di precisione.

Sfida per il futuro della Sardegna

Spiega Christian Solinas, presidente della Regione Sardegna: “Individuare strumenti, forme, metodi per modernizzare, sostenere e accrescere la competitività di comparti strategici della nostra economia, come è quello agricolo, rappresenta una sfida fondamentale per lo sviluppo futuro della Sardegna. Il progetto Sardinia Lands che ha portato alla realizzazione di una piattaforma integrata per la valutazione di zone agro-ecologiche della Sardegna, a tutela dell’agricoltura sostenibile, rientra a pieno titolo tra le innovazioni messe al servizio dell’agricoltura che riteniamo più efficaci, nella certezza che anche il monitoraggio e le valutazioni dei territori utili nella programmazione e scelta delle migliori politiche da adottare, se accompagnato da tecnologie avanzate e aerospaziali contribuirà alla modernizzazione ed efficienza del sistema agricolo sardo”.

“Sardinia Lands – afferma Francesco Baule, commissario straordinario dell’Agris Sardegna – consente di rispondere in maniera scientifica e multisettoriale all’esigenza di una pianificazione razionale delle attività agricole sul territorio regionale, e fornisce un innovativo strumento di supporto alle decisioni che consentirà di promuovere lo sviluppo economico delle aree agricole dell’isola in modo ecologicamente sostenibile”.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 2