NEW BUSINESS

Lanciatori privati, la Spagna in pole position con Pld Space

Condividi questo articolo

La startup iberica programma il suo primo lancio orbitale nel primo trimestre 2026. La società utilizzerà i 30 milioni di euro raccolti con il test suborbitale per sviluppare il più grande Miura-5, un lanciatore orbitale completo. E annuncia i primi accordi vincolanti per il 2024: potenziali contratti per 320 milioni di euro sufficienti per completare circa 10 o 12 lanci

Pubblicato il 23 Ott 2023

IMG_8911

La società missilistica spagnola Pld Space ha in programma un primo lancio orbitale dalla Guyana francese nel primo trimestre del 2026, dopo aver effettuato all’inizio del mese il primo lancio di un razzo europeo completamente privato.

Il successo del test

La startup ha lanciato un razzo suborbitale Miura-1 recuperabile da un sito nella Spagna sud-occidentale, che è stato un “completo successo“, ha dichiarato la società, anche se non è riuscita a recuperare il razzo dopo che si è immerso in mare. Il recupero del razzo dal mare non era un obiettivo primario del test, ha aggiunto l’azienda.

I piani per il dispiegamento di migliaia di satelliti per Internet nei prossimi anni hanno fatto nascere nuove società di razzi in quello che, secondo alcuni analisti, sarà un mercato da 1.000 miliardi di dollari entro il 2030.

La strategia di Pld

“La percentuale di successo di un primo lancio nell’industria spaziale è solo del 45%”, afferma il presidente esecutivo di Pld Space Ezequiel Sánchez. Per ridurre questi alti livelli di incertezza e di rischio, l’azienda spagnola si è sempre impegnata a testare ogni sottosistema e tutti i sistemi nel loro insieme. “Lo Spazio funziona sulla base dell’apprendimento e noi abbiamo fatto tutto bene la prima volta perché, fin dall’inizio, abbiamo adottato una strategia basata su ‘prove ed errori'”, ha precisato Sánchez

Il razzo Miura 5

Pld utilizzerà i dati raccolti con il test suborbitale da 30 milioni di euro (32 milioni di dollari) per sviluppare il più grande Miura-5, un lanciatore orbitale completo. Finora sono stati identificati mille elementi da migliorare per sviluppare il Miura-5.

“Il Miura-5 sarà pronto in due anni. Poi lo trasporteremo a Kourou (Guyana francese) per cercare di effettuare il primo lancio nel primo trimestre del 2026”, ha affermato il cofondatore e amministratore delegato, Raul Torres.

Contratti da 320 milioni

Pld Space ha dichiarato che prevede di firmare i primi accordi vincolanti con i clienti il prossimo anno. Finora ha ricevuto interesse da potenziali clienti per contratti del valore di circa 320 milioni di euro, che sarebbero sufficienti per completare circa 10 o 12 lanci di Miura-5, ha spiegato il cofondatore Raul Verdu.

Gli sforzi dell’Europa per sviluppare capacità di inviare piccoli satelliti nello Spazio sono al centro dell’attenzione dopo il fallimento del lancio di un razzo orbitale da parte di Virgin Orbit dalla Gran Bretagna a gennaio. Il sistema prevedeva il rilascio del lanciatore da un Boeing 747 convertito.

Squilibrio tra domanda e offerta

Attualmente esiste uno squilibrio tra la domanda e l’offerta globale di lanci di satelliti e piccoli satelliti. Da un lato, si stima che il mercato dei lanci di piccoli satelliti crescerà fino a 28,4 miliardi di dollari entro il 2031, una cifra che rappresenta un aumento del 274%, secondo un rapporto di Euroconsult. Tuttavia, mentre la domanda di servizi commerciali cresce in modo esponenziale, con la cessazione dell’attività dell’Ariane 5, la capacità di accesso allo Spazio dell’Europa si è ridotta a zero per la prima volta in più di 40 anni.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 5