IL PROGETTO

Nasa, via alla missione Crew-6: centinaia di esperimenti in sei mesi

Condividi questo articolo

Il lancio da Cape Canaveral su razzo Falcon 9 di SpaceX. I quattro membri dell’equipaggio sulla Stazione spaziale internazionale per eseguire test e attività di manutenzione e preparare il terreno verso la Luna e Marte. Bill Nelson: “Il programma Commercial Crew è la prova che l’ingegno e la leadership americana nello spazio vanno a beneficio di tutta l’umanità”

Pubblicato il 02 Mar 2023

Veronica Balocco

Iss

E’ partita la missione Crew-6 della Nasa per il viaggio di oltre 24 ore verso la Stazione spaziale internazionale (Iss), dove i suoi quattro membri dell’equipaggio rimarranno per circa sei mesi per eseguire esperimenti scientifici e compiti di manutenzione.  Il razzo Falcon 9 con la navetta Crew Dragon Endeavour inserita nella punta, entrambi prodotti dall’azienda privata SpaceX, è stato lanciato alle 00:34 ora locale (05:34 Gmt), orario previsto, dalla piattaforma 39A del Centro Kennedy Space Center, Cape Canaveral, Florida.

“Congratulazioni ai team della Nasa e di SpaceX per un’altra missione storica alla Stazione spaziale internazionale – ha commentato al lancio l’amministratore della Nasa Bill Nelson -. Il programma per l’equipaggio commerciale è la prova che l’ingegnosità e la leadership americana nello spazio avvantaggia tutta l’umanità, attraverso la scienza pionieristica, la tecnologia innovativa e la nuova collaborazione. Crew-6 sarà impegnato a bordo della Stazione spaziale internazionale, conducendo oltre 200 esperimenti che ci aiuteranno a prepararci per le missioni sulla Luna, su Marte e oltre, oltre a migliorare la vita qui sulla Terra. Non vediamo l’ora di vedere tutto ciò che realizzano”.

Aggancio alle 7,17 italiane del 3 marzo

Meno di dieci minuti dopo, la Dragon Endeavour, che con questa missione sta completando il suo quarto viaggio nello spazio, si è staccata dal secondo stadio del razzo e ha proseguito il suo viaggio verso la Iss. Quasi contemporaneamente, il primo stadio del Falcon 9, che oggi ha completato il suo volo inaugurale, è atterrato con successo su una piattaforma sistemata nell’Oceano Atlantico. L’aggancio alla Stazione spaziale è previsto alle 7,17 italiane del 3 marzo: i nuovi arrivati sostituiranno l’equipaggio statunitense-russo-giapponese che si trova a bordo da ottobre. Gli altri residenti della stazione sono due russi e un americano, il cui soggiorno di sei mesi è stato raddoppiato, fino a settembre, dopo che la loro capsula Soyuz ha avuto una perdita.

“Benvenuti in orbita”, ha comunicato via radio il controllo di lancio di SpaceX, sottolineando che il decollo è avvenuto quattro anni dopo il primo volo di prova orbitale della capsula. “Se vi è piaciuto il viaggio, non dimenticate di darci cinque stelle”. Il primo tentativo di lancio è stato annullato lunedì all’ultimo minuto a causa di un filtro intasato nel sistema di accensione del motore. “Forse ci sono volute due volte, ma ne è valsa la pena”, ha detto Bowen.

A bordo due americani, un russo e un arabo

L’equipaggio della Crew-6 è composto dagli americani Stephen Bowen e Warren Hoburg della Nasa, il russo Andrey Fedyaev della Roscosmos e Sultan al-Neyadi degli Emirati Arabi Uniti, prima persona del mondo arabo che salirà per un soggiorno prolungato di un mese. Bowen, capo dell’equipaggio, ha detto che i quattro si sono uniti bene come squadra nonostante le differenze tra i loro Paesi. Nonostante le tensioni per la guerra in Ucraina, gli Stati Uniti e la Russia hanno continuato a collaborare sulla stazione spaziale e a scambiarsi i posti a bordo.

Stephen Bowen è un sommergibilista della Marina in pensione che ha effettuato tre voli con lo Space Shuttle, Warren “Woody” Hoburg un ex ricercatore del Massachusetts Institute of Technology e novellino dello spazio, e Andrei Fedyaev un novellino dello spazio che si è ritirato dall’aeronautica militare russa.

Il lancio di al-Neyadi: Emirati alla conquista dello spazio

Quasi 80 spettatori degli Emirati Arabi Uniti hanno invece assistito dal sito di lancio al decollo di Sultan al-Neyadi, secondo emiratino a volare nello spazio. A Dubai e altrove negli Emirati Arabi Uniti, scuole e uffici hanno programmato di trasmettere il lancio in diretta. Al-Neyadi, ingegnere delle comunicazioni, ha fatto da riserva al primo astronauta emiratino, Hazzaa al-Mansoori, che nel 2019 ha raggiunto la stazione spaziale con un razzo russo per una visita di una settimana. La federazione, ricca di petrolio, ha pagato il posto di al-Neyadi sul volo SpaceX, che ha ringraziato tutti in arabo e poi in inglese una volta raggiunto l’orbita.  Il ministro degli Emirati Arabi Uniti per l’istruzione pubblica e la tecnologia avanzata, Sarah al-Amiri, ha dichiarato che la lunga missione “ci offre una nuova sede per la scienza e la scoperta scientifica per il Paese”.

“Non vogliamo solo andare nello spazio e poi non avere molto da fare lì o non avere un impatto”, ha detto il direttore generale del centro spaziale degli Emirati Arabi Uniti a Dubai, Salem al-Marri. Gli Emirati hanno già una navicella spaziale in orbita attorno a Marte e un mini rover sta facendo un giro sulla Luna con un lander giapponese. Due nuovi astronauti degli Emirati Arabi Uniti si stanno allenando a Houston con le ultime selezioni di astronauti della Nasa. Il principe saudita Sultan bin Salman è stato il primo arabo nello spazio, lanciandosi a bordo dello shuttle Discovery nel 1985. È stato seguito due anni dopo dall’astronauta siriano Muhammed Faris, lanciato dalla Russia.

Al-Neyadi sarà raggiunto questa primavera da due astronauti sauditi che andranno alla stazione spaziale con un breve volo privato di SpaceX pagato dal loro governo. “Sarà davvero emozionante, davvero interessante” avere tre arabi nello spazio contemporaneamente, ha detto la scorsa settimana. “Anche la nostra regione ha sete di saperne di più”. Per quanto riguarda l’osservanza del Ramadan in orbita, Al-Neyadi ha detto che il digiuno non è obbligatorio perché potrebbe renderlo debole e compromettere la missione.

Attracco in diretta tv

Durante il volo di Dragon, SpaceX monitorerà una serie di manovre automatiche del veicolo spaziale dal suo centro di controllo della missione a Hawthorne, in California, e i team della Nasa monitoreranno le operazioni della stazione spaziale durante il volo dal Centro di controllo della missione presso il Johnson Space Center dell’agenzia a Houston.
Dragon attraccherà autonomamente al porto rivolto verso lo spazio del modulo Harmony della stazione intorno all’1:17 di venerdì 3 marzo. La televisione della Nasa, l’app della Nasa e il sito web dell’agenzia forniranno una copertura in diretta dell’attracco e dell’apertura del portello. La Nasa Tv coprirà anche la cerimonia di benvenuto all’equipaggio a bordo dell’avamposto orbitale verso le 3:40 del mattino.

Undici giorni a bordo con la Spedizione 68

Una volta a bordo della stazione, l’Equipaggio-6 si unirà alla Spedizione 68, composta dagli astronauti della Nasa Frank Rubio, Nicole Mann e Josh Cassada, nonché dall’astronauta della Jaxa (Japan aerospace exploration agency) Koichi Wakata e dai cosmonauti di Roscosmos Sergey Prokopyev, Dmitri Petelin, e Anna Kikina. Per un breve periodo, gli 11 membri dell’equipaggio vivranno e lavoreranno insieme nello spazio fino a quando i membri dell’equipaggio-5 Mann, Cassada, Wakata e Kikina non torneranno sulla Terra pochi giorni dopo.

Conducendo nuove ricerche scientifiche, Crew-6 aiuterà a prepararsi per l’esplorazione umana oltre l’orbita terrestre bassa e gioverà alla vita sulla Terra. Gli esperimenti includeranno studi su come particolari materiali bruciano in condizioni di microgravità, ricerca su chip di tessuto sulle funzioni di cuore, cervello e cartilagine e un’indagine che raccoglierà campioni microbici dall’esterno della stazione spaziale. Questi sono solo alcuni delle centinaia di esperimenti scientifici e  dimostrazioni tecnologiche che avranno luogo durante la loro missione.

Massimizzare l’uso della stazione spaziale

La missione Crew-6 consente alla Nasa di massimizzare l’uso della stazione spaziale, dove gli astronauti hanno vissuto e lavorato ininterrottamente per più di 22 anni testando tecnologie, facendo scienza e sviluppando le competenze necessarie per gestire future destinazioni commerciali in orbita terrestre bassa ed esplorare più lontano dalla Terra. La ricerca condotta sulla stazione spaziale offre vantaggi per le persone sulla Terra e apre la strada a futuri viaggi di lunga durata sulla Luna e oltre attraverso le missioni Artemis della Nasa.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 2