LE NOMINE

Argotec punta a crescere in Italia e Usa: via al nuovo Cda

II primi tre membri del board a sei che affiancheranno l’Ad e fondatore della Space company italiana, David Avino, sono Francesco Profumo, Kathy Laurini e Paolo Nespoli. Previsti investimenti complessivi per 40 milioni di euro

30 Nov 2023

Paolo Marelli

David Avino Argotec

Francesco Profumo, Kathy Laurini e Paolo Nespoli sono i primi tre componenti del nuovo Cda di Argotec, che avrà il compito di traghettare l’azienda di Torino verso un’ulteriore crescita in Italia e negli Stati Uniti, con oltre 40 milioni di dollari di investimento complessivi previsti, a fronte di un fatturato del 2023 previsto a quota 22 milioni di euro, quasi raddoppiato rispetto al 2022.

Chi sono i membri del nuovo Cda

Argotec, con sede nel capoluogo piemontese e a Largo (Maryland, Usa), ha annunciato i primi membri del suo Consiglio di amministrazione, che sarà presieduto dall’Ad e fondatore della space company, David Avino. Il Cda è così composto: Francesco Profumo, presidente della Compagnia di San Paolo, già ministro dell’Istruzione, nonché presidente del Cnr e rettore del Politecnico di Torino; Kathy Laurini, presidente di Osare Space, già senior advisor per il programma di esplorazione spaziale della Nasa, dove è stata anche leader dell’International Space exploration coordination group; Paolo Nespoli, astronauta Esa, per 313 giorni a bordo della Stazione Spaziale Internazionale nelle missioni Esperia (2007), MagIsstra (2010) e Vita (2017).

WHITEPAPER
Cos’è la space economy, in pratica: norme, regole e trend
Robotica
EdTech

Al board di Argotec si aggiungeranno presto altre figure, arrivando a completare una squadra di sei personalità di altissimo profilo, nazionale e internazionale.

Nuovi investimenti

“Ringrazio Francesco Profumo, Kathy Laurini e Paolo Nespoli per aver dato la loro disponibilità in questo percorso di crescita che, negli anni, ha visto Argotec trasformarsi dall’ambiziosa idea di un singolo a un’azienda leader di settore che ha contribuito a portare l’eccellenza della tecnologia spaziale nel mondo – ha detto il ceo Avino -. A breve annunceremo anche gli altri membri del Cda, così da completare il board e proseguire spediti con gli investimenti che stiamo mettendo a terra. Tra questi, 25 milioni per lo SpacePark alle porte di Torino e altri 15 milioni per il business development negli Stati Uniti, dove prevediamo un nuovo impianto produttivo”.

Crescita di un settore strategico

Ha affermato Profumo: “Il nostro Paese è da sempre capofila internazionale nel know-how che riguarda il settore dall’aerospazio, anche grazie ai nostri eccellenti Politecnici e Università. L’obiettivo è mettere a disposizione la mia esperienza per contribuire a far crescere un settore che si è già confermato strategico per il Paese e per il futuro delle nuove generazioni”.

Sfide internazionali

“Argotec – ha spiegato Nespoli – in questi anni ha dimostrato di essere pronta a sfide internazionali. Dal primo caffè espresso nello Spazio, che ho avuto modo di assaporare personalmente a bordo della Stazione spaziale internazionale, è velocemente passata a missioni storiche di portata globale, e oggi si prepara a confermare la sua espansione oltreoceano e ad essere promotrice di eccellenza spaziale made in Italy nel mondo”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 2