LA COLLABORAZIONE

Dati spaziali contro i crimini ambientali, via a Eo4Security

Operativo il progetto di Esa guidato da e-Geos: si punta sviluppare algoritmi all’avanguardia per fornire strumenti in grado di offrire informazioni su possibili violazioni delle normative

09 Gen 2024

Paolo Marelli

Deforestation-based-on-SAR

I dati spaziali sono un’arma in più nella lotta contro i crimini ambientali e le attività illegali. Dall’orbita arriveranno elementi utili per le indagini delle forze dell’ordine al fine di proteggere il Pianeta dai reati contro il patrimonio naturale. È, infatti, diventato operativo Eo4Security, un progetto dell’Agenzia spaziale europea (Esa) guidato da e-Geos, una società costituita da Asi (20%) e Telespazio (80%) del gruppo Leonardo.

Con Eo4Security, in particolare, saranno sviluppati algoritmi all’avanguardia, con le relative piattaforme applicative, per fornire strumenti in grado di offrire tempestivamente informazioni su possibili violazioni delle normative ambientali, per esempio nel caso di estrazioni minerarie illegali.

Lotta ai reati ambientali

In un mondo in cui i reati ambientali stanno crescendo, Eo4Security è un progetto importante poiché permette di comprendere l’impatto che attività di natura criminale possono avere sulla salvaguardia ambientale dell’intero Pianeta. Un ambiente pulito, sicuro e sostenibile è parte integrante della piena realizzazione di un ampio spettro di diritti umani e del raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 dell’Onu.

WHITEPAPER
Cos’è la space economy, in pratica: norme, regole e trend
Robotica
EdTech

Analisi dell’attività criminale

Lo scopo del progetto è sfruttare la più ampia disponibilità di dati per raccogliere informazioni su piccola o grande scala della Terra. In una sola schermata, Eo4Security è in grado di fornire analisi sui crimini ambientali utilizzando diverse fonti in grado di generare dati ad alta risoluzione nonché utilizzare osservazioni satellitari giornaliere e analisi storiche di determinate aree.

Complementarietà dei dati

Il progetto Eo4Security si baserà sulla complementarità dei dati provenienti dai satelliti di osservazione della Terra con i cosiddetti dati di Open Source Intelligence (Osint), tratti dai social media o da altri canali. Tutte queste informazioni saranno integrate nei flussi operativi a favore di un facile utilizzo da parte degli utenti finali.

Chi fa parte del progetto

Oltre ad e-Geos, primo contraente, fanno parte del progetto dell’Esa anche Gaf (azienda 100% e-Geos), Hensoldt Analytics, Janes e Dhiria (spin-off del Politecnico di Milano).

L’Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine (Unodc) e l’Istituto internazionale delle Nazioni Unite per la ricerca sul crimine e la giustizia (Unicri) sono alcuni degli utenti finali coinvolti dall’est per sostenere e contribuire la riuscita del progetto.

Partnership strategica

Grazie a Eo4Security, e-Geos si conferma partner tecnologico chiave per l’Esa, e affianca il nuovo progetto ad altri due studi in corso per l’Agenzia che riguardano entrambi metodologie innovative di elaborazione radar apertura sintetica (Sar) per applicazioni nell’ambito della sicurezza.

Il primo, in particolare, si basa sulla cosiddetta tecnologia Sar inversa (Isar), e prevede di sviluppare una caratterizzazione dettagliata di oggetti in movimento dai dati Sar, quelli ad esempio provenienti dalle Sentinelle del programma Copernicus o dai satelliti italiani Cosmo-SkyMed, attraverso un miglioramento della focalizzazione dell’obiettivo. Il progetto fa affidamento sull’esperienza di due partner: Aresys e Cnit.

Sicurezza marittima

e-GEOS è inoltre al lavoro per un progetto di “Fusione di Dati Multisensore per Applicazioni di Sicurezza Marittima” che prevede, implementando metodi innovativi di elaborazione di fusione dati includendo principalmente dati Sar e Rf, estesi a immagini satellitari ottiche e Ais, la possibilità di estrarre percorsi di modelli marittimi per identificare comportamenti irregolari delle navi. Come partner industriale, e-Geos lavorerà con Deix e con il supporto di Critiware e Cherry-Data.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 4