SATCOM

OneWeb scommette sul mobile backhaul per distanziare SpaceX

Occhi puntati in particolare su Africa e America Latina dove sarà necessario colmare il digital divide con connessioni a banda ultralarga attraverso i satelliti a orbita bassa Leo. Già avviate trattative con diversi operatori

28 Mar 2023

Paolo Marelli

Sunil Bharti Mittal

Il numero uno di OneWeb, il presidente esecutivo Sunil Bharti Mittal non ha dubbi: il mobile backhaul è uno dei mercati più importanti per la compagnia di telecomunicazioni satellitari britannica. E lo sarà ancor di più in futuro. È un segmento che dà alla società con quartier generale a Londra un vantaggio rispetto al rivale SpaceX, con la sua costellazione in orbita terrestre bassa Starlink.

La sfida con SpaceX

Infatti, in un briefing per celebrare il completamento della costellazione di OneWeb, Mittal ha ammesso che il servizio Starlink è sì il loro maggior concorrente, ma ha precisato che la società di Elon Musk è focalizzata soprattutto nella vendita al dettaglio di Internet veloce via satellite e non come operatore per collegamenti intermedi di banda nella gerarchia della Rete.

WHITEPAPER
Decisioni strategiche informate? Sfrutta la potenza dei dati (e della suite ERP dedicata)
Applicazioni
Cloud

Sempre durante quest’evento, Mittal ha rivelato che il ramo Bharti Airtel in Africa da solo spende 40 milioni di dollari all’anno per il servizio mobile backhaul e per il miliardario indiano questo rappresenta un esempio del potenziale di mercato che questo segmento delle telecomunicazioni potrebbe avere su una scala globale. 

Il lancio di nuovi satelliti

Mittal ha dichiarato a Mobile World Live (Mwl, il sito di news sulle telecomunicazioni) che OneWeb sta già generando “parecchi” milioni di dollari al mese di profitti pur in presenza di un servizio che ha un raggio limitato di 50 gradi nord. E il completamento di questa costellazione significherebbe che si possibile coprire “ogni centimetro quadrato” del mondo.

Il recente lancio di altri 36 satelliti da parte di OneWeb ha portato la sua costellazione a 618, di cui 588 necessari per il servizio commerciale. Altri 30 satelliti dovrebbero essere lanciati entro la fine di giugno.

Superare il divario digitale

Oneweb è in campo per assicurare una copertura globale dell’Internet veloce che aiuti a colmare il divario digitale, una questione che, secondo Mittal, è sempre più cruciale con il decollo dell’economia online.

Il numero uno di OneWeb ha osservato che i satelliti in Leo (orbita terreste bassa) offrono una bassa latenza, rendendoli più adatto a fornire connettività Internet a banda larga “ad alta velocità” rispetto ai satelliti in Geo (orbita geostazionaria).

Occhi puntati su Sudamerica e Africa

Sempre secondo Mittal, le maggiori opportunità di business in un futuro prossimo sono in America Latina e Africa, dove la domanda di banda ultra larga è in continua e costante crescita. Al punto che OneWeb ha già avviato una serie di trattative con “più attori commerciali” in questi mercati emergenti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 2