IL PROGETTO

Satelliti IoT 5G per tutelare la fauna in Africa: in campo Sateliot e Ewt

L’azienda offrirà connettività gratuita alla Ong che sta implementando una tecnologia di tracciamento all’avanguardia pronta a monitorare e salvare specie altamente in pericolo di estinzione

12 Feb 2024

Paolo Marelli

big75-capturadepantalla2024-02-07122705972

La spagnola Sateliot, la prima azienda a gestire una costellazione di satelliti 5G IoT in orbita terrestre bassa, ed Ewt (Endangered Wildlife Trust), una Ong sudafricana, hanno siglato un accordo che punta ad applicare sensori 5G IoT sugli avvoltoi, un passo significativo verso la salvaguardia di questa specie a rischio e una mossa nella lotta al bracconaggio in Africa.

Questa collaborazione è facilitata dal roaming con gli operatori di rete mobile esistenti, eliminando la necessità di apparecchiature satellitari aggiuntive. Così le organizzazioni, come Ewt, potranno sfruttare lo stesso standard terrestre utilizzato dalle società mobile per espandere le loro operazioni, avvalendosi di una vera e propria connettività globale senza costi aggiuntivi.

Tecnologia a difesa della fauna

Il commercio illegale della fauna selvatica con numerosi casi di avvelenamento, a cominciare dagli avvoltoi, sta devastando le popolazioni animali, portandole rapidamente all’estinzione, compresi leoni, leopardi e iene.

WHITEPAPER
Ottimizzare la Supply Chain con l' IoT: produzione, distribuzione e retail
Machine to machine
Business Process Outsourcing (BPO)

Coprendo attualmente circa 15 milioni di km2 con oltre 380 avvoltoi di cinque specie diverse da proteggere, il progetto “Eye in the Sky” dell’Ewt è un sistema che cambia le carte in tavola nella lotta al bracconaggio. Monitorati attraverso il software EarthRanger, gli uccelli dotati di Gps inviano allarmi a varie piattaforme Internet.

Salvati 100 avvoltoi in 12 mesi

Solo nell’ultimo anno, questo sistema rivoluzionario ha identificato con successo 15 casi di avvelenamento. La rapidità della risposta ha permesso alle squadre di salvare oltre 100 avvoltoi altamente minacciati, di eliminare rapidamente le fonti di veleno e di decontaminare le aree.  Il progetto “Eye in the Sky” è una testimonianza del potere della tecnologia innovativa nel preservare l’inestimabile patrimonio faunistico del nostro pianeta.

Salvaguardia degli animali

Alison Janicke, head of business development di Ewt, ha spiega che “oltre al risparmio di denaro, la collaborazione con Sateliot ci farà risparmiare tempo e sforzi per la raccolta di fondi, consentendoci di investirli in attività di conservazione delle specie nel loro ambiente”.

Gianluca Redolfi, Cco di Sateliot, immagina un futuro in cui la connettività satellitare rivoluzionerà il modo in cui le Ong si impegnano nelle attività di conservazione.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5