SCENARI

Spazio e Tlc, Valente (Asi): “Ambiti sempre più integrati, rischio monopoli”

Il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana fa anche il punto sulle alleanze internazionali: “Necessario lavorare nell’ambito europeo e contestualmente sviluppare relazioni bilaterali extra Esa, non solo con gli Usa ma anche con altri Paesi come India, Giappone, Kenya, dove abbiamo la base di Malindi”

27 Nov 2023

Paolo Marelli

Valente_Teodoro_Asi

Tra spazio e telecomunicazioni si va verso una “completa integrazione anche alla luce dello sviluppo di mega-costellazioni in orbita bassa attraverso le quali si combineranno i sistemi terrestri mobili e satellitari”. Tuttavia, c’è da fare attenzione: visto che le costellazioni sono in mano soprattutto a big privati, c’è il “rischio che si crei una situazione di carattere monopolistico, con effetti negativi per i singoli Stati riguardo all’autonomia“. 

A tracciare le prospettive dell’economia dello spazio, guardata sotto l’ottica del connubio con le tlc e le nuove tecnologie, è Teodoro Valente, presidente dell’Agenzia Spaziale italiana (Asi).

Cooperazione e competizione

Quanto all’intelligenza artificiale che può essere uno strumento “formidabile” per la cernita di dati e immagini già a bordo, la regolazione, dice Valente, dev’essere il più condivisa possibile, “altrimenti non è affidabile”. Riguardo, invece, la cooperazione e la competizione nel settore spaziale, il nostro Paese ha “l’assoluta necessità di lavorare nell’ambito del contesto europeo e contestualmente sviluppare relazioni bilaterali extra Esa, non solo con gli Usa ma anche con altri Paesi come India, Giappone, Paesi dell’Africa come il Kenya dove abbiamo base di Malindi”. Ci sono più di 40 accordi bilaterali, ma si conta di sottoscriverne di più.

WHITEPAPER
Cos’è la space economy, in pratica: norme, regole e trend
Robotica
EdTech

Superare il divario digitale

Il vantaggio principale del connubio tra tlc e spazio – continua il presidente dell’Asi – è nella capacità di raggiungere anche territori a bassa domanda di copertura dove l’investimento degli operatori non sarebbe altrimenti economicamente vantaggioso e sostenibile. Al contempo, stiamo vivendo una sorta di trasformazione significativa del settore con lo sviluppo di mega-costellazioni satellitari in orbita bassa che permetteranno una vera integrazione tra sistemi terrestri mobili e satellitari. Penso anche all’uso del 5G e del 6G che dovrebbe consentire di ridurre i costi per gli utenti, rendendoli paragonabili a quelli per la telefonia cellulare”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 4