L'INTERVENTO

Spazio e ambiente, Cheli: “Dati satellitari centrali per la Cop 28”

La numero uno di Esrin e direttore dei programmi di osservazione della Terra dell’Agenzia spaziale: “E’ importante mettere in luce quello che la scienza è in grado di fare”. Dal 30 novembre al 12 dicembre a Dubai la conferenza internazionale sul clima delle Nazioni Unite

30 Nov 2023

Paolo Marelli

Simonetta Cheli

I dati dei satelliti per l’osservazione della Terra avranno un ruolo di primo piano nella Cop 28, la conferenza internazionale sul clima delle Nazioni Unite, in programma a Dubai fino al 12 dicembre. Così Simonetta Cheli, a capo del direttorato dell’Agenzia spaziale europea per l’osservazione della Terra e direttrice del centro dell’Esa in Italia (Esrin). Che ha spiegato: dai gas serra allo stato di salute dei ghiacciai e agli oceani, l’Europa dello Spazio si prepara ad avere un ruolo decisivo.

Cheli insignita del Premio Motomundi

A lei, prima donna a capo dei programmi di osservazione della Terra dell’Esa, è stato consegnato il Premio Motomundi, assegnato dal 2012 dall’associazione culturale onlus Cinzia Vitale, presieduta da Roberto Vitale. “Iniziative come questa mettono in luce il valore di quello che la scienza fa”, ha detto Cheli, ricevendo il premio.

WHITEPAPER
Droni e space economy: cosa dice il mercato? E cosa dice la legge?
E-Commerce
Supply Chain Management

Nei prossimi giorni la direttrice dell’Esrin parteciperà alla Cop 28 con il direttore generale dell’Esa, Josef Aschbacher, a sottolineare il contributo cruciale che i dati dei satelliti europei possono dare alla salute del Pianeta.

Europa protagonista in orbita

“Nessun Paese da solo sarebbe riuscito a fare quanto l’Europa dello Spazio ha realizzato”, ha detto Carlo Corazza, rappresentante del Parlamento europeo in Italia. “Lo spazio – ha aggiunto – deve essere la nostra stella polare” ed è un “simbolo della cooperazione”. Lo Spazio ha un ruolo di primo piano in Europa anche per Antonio Parenti, rappresentante in Italia della Commissione europea. Citando il progetto del gemello digitale della Terra in corso all’Esrin, ha osservato che “il lavoro fatto all’Esrin è fatto per l’Europa”.

Satelliti, ruolo cruciale

Per il direttore dell’istituto nazionale di oceanografia e geofisica sperimentale, Nicola Casagli, i satelliti europei hanno un ruolo cruciale per conoscere meglio il pianeta. “”E’ necessaria – ha chiarito – una forte integrazione dei dati satellitari con i dati rilevati dagli strumenti a Terra e i dati oceanografici per capire meglio i cambiamenti climatici, per un uso più intelligente delle risorse e in generale per migliorare la qualità della vita”. Per l’astrofisica Anna Gregorio Michelazzi, dell’Università di Trieste, “da sempre lo spazio osserva l’ambiente” e “l’Europa ha un ruolo di primo piano in questo campo”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 4