IL LANCIO

Spazio e IoT, nasce la prima costellazione privata italiana

I primi nove pico-satelliti per l’Internet of Things di Apogeo Space trasportati da D-Orbit danno il via al progetto che prevede nuovi rilasci nei prossimi mesi, per arrivare a una flotta di 96 mezzi.

30 Nov 2023

Paolo Marelli

Apogeo space

Missione compiuta. È avvenuto il rilascio del primo lotto di nove pico-satelliti di Apogeo Space, società impegnata nella realizzazione della prima costellazione privata italiana di satelliti per la fornitura di un servizio di telecomunicazione per dispositivi dell’Internet of Things (IoT).

Il ruolo di SpaceX e D-Orbit

Lanciati in orbita l’11 novembre con il razzo Falcon 9 di SpaceX e da poco rilasciati dall’Otv (Orbital Transfer Vehicle) di D-Orbit, i primi nove pico-satelliti saranno in grado di garantire una copertura globale e frequente.

WHITEPAPER
Cos’è la space economy, in pratica: norme, regole e trend
Robotica
EdTech

Il lancio dei successivi pico-satelliti accorcerà sempre di più il revisit time aumentando la frequenza e la qualità del servizio, oltre ad introdurre nuove funzionalità quali la comunicazione bidirezionale.

Un tandem italiano

La messa in orbita dei primi nove satelliti è avvenuta grazie a D-Orbit, azienda di logistica e trasporto orbitale con sede principale a Fino Mornasco (Co).

Apogeo Space e D-Orbit è un tandem tutto italiano a riprova dell’eccellenza del comparto e della filiera spaziale tricolore, un passo significativo per un servizio di telecomunicazioni satellitare avanzato e a basso costo.

Prossimo lancio a marzo 2024

Il prossimo lancio di Apogeo Space è previsto a marzo 2024 con Momentus (Us) e di seguito è pianificato un lancio ogni 3-4 mesi, ognuno sempre composto da nove satelliti delle dimensioni di 10x10x3 centimetri, per la realizzazione della prima costellazione privata italiana di telecomunicazioni per IoT, che verrà completata entro il 2027, quando saranno 96 i pico-satelliti attivi in orbita.

Anni di progetti e test

Il ceo e co-fondatore di Apogeo Space, Guido Parissenti ha affermato che “ci sono voluti anni di progettazione e sperimentazione che grazie al supporto in primis del fondo Primo Space hanno potuto trovare concretezza industriale. Guardiamo al futuro con entusiasmo, con l’obiettivo di dare un contributo importante nel mondo delle telecomunicazioni per IoT”.

Sfide internazionali

La realizzazione del primo importante tassello del progetto, sviluppato in questo caso da una filiera completamente italiana, rafforzerà ancor di più il ruolo dell’Italia nella space economy e specificatamente nelle costellazioni per telecomunicazione e costellazioni pico-satellitari, ambiti nei quali Apogeo Space vuole essere la prima azienda italiana in grado di competere nel panorama internazionale nel campo delle telecomunicazioni per IoT.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5